Lunga vita al cashmere

Scritto da: Francesca Marotta
Categoria: Moda
25-11-2015

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La maglia su pantaloni dritti e il vestito di linea a sacchetto color testa di moro, e il delizioso cardigan giallo con fiocchi sui polsi abbinato al vestito con le pieghe in vita sono di Parronchi Cashmere e sono morbidi, caldi e leggeri. Ho toccato questi indumenti, e sono talmente impalpabili e soffici che mi hanno subito conquistata. Realizzati e rifiniti a mano, questi indumenti rappresentano un piccolo investimento che vale la pena di fare. Trattati con le dovute attenzioni, infatti, durano anni. Come fare per preservarne la bellezza? Me lo hanno raccontato proprio gli esperti di Parronchi. Ecco il loro decalogo.

1. Si lava a mano, ogni due-tre volte che viene utilizzato.
2. Evitare il sapone, che indebolisce la fibra, e per una detersione sicura si usa un detersivo liquido di qualità.
3. Il detergente va usato in piccole dosi: quantità eccessive fanno infeltrire il capo.
4. Il cashmere di lava a mano con acqua tiepida, senza strofinare. Non si lascia in ammollo perché il filato si rovina.
5. Per l’asciugatura, l’indumento va adagiato su un panno di cotone appoggiato su un piano.
6. Il ferro da stiro è nemico del cashmere perché la pressione compromette l’effetto nuvola e anche il potere riscaldante. Infatti, il calore prodotto a contatto con il corpo è dato dalle particelle di aria che rimangono sospese tra la peluria della fibra, che creano il caratteristico effetto barriera. Per eliminare le pieghe che si formano dopo il lavaggio, si usa il vapore. E una volta indossato il capo, si usano le mani per rifinire la stiratura.
7. Tra un lavaggio e l’altro, è opportuno mettere gli indumenti all’aria aperta: così la fibra si risolleva e ritrova spessore.
8. Dopo il “bagno di aria fredda”, sui capi in cashmere si passa la classica spazzola per gli indumenti per coccolare la fibra.
9. E’ possibile prevenire la formazione degli odiosi “pallini” evitando il contatto con le fibre sintetiche e con la pelliccia, che a differenza dei tessuti naturali provocano un attrito dannoso.
10. Per scongiurare gli attacchi delle tarme, i capi i cashmere vanno riposti nei cassetti lavati e stirati. Le tarme, infatti, aggrediscono queste fibre preziose quando sentono l’odore del corpo.

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 / 300 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-300 caratteri
termini e condizioni.

Commenti (1)

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss