First steps to manage Pandemic Fatigue

First steps to manage Pandemic Fatigue

The new rules to be respected, the restrictions that limit travel and the worry of contagion linked to Covid-19 generate the Pandemic fatigue, as reported by the WHO, the World Health Organization: living in uncertainty has the consequences of fatigue, apathy and demotivation.
Coping with the situation we are experiencing is complicated. Finding balance and clarity can help to rationalize the situation.
An approach in this direction is proposed by two counseilors who organize In Stabilità in Milan '. A cycle of 3 meetings, starting from November 15, 2021, which represent steps on a journey to recognize one's emotions, face them, discover the aspects that limit and consider the positive ones.

 With a Degree in Communication and a Psychosynthetic Professional Counselor Diploma, Barbara Dall’Argine is one of the two creators of the courses. He tells us how they are organized and what the purposes are.

"Starting to look from another perspective, with greater distance and neutrality, is important in order to observe situations with a critical sense. Seeing more closely what "lives" inside everyone is the first step to activate the necessary resources to live with what happens outside. It is important to maintain stability while we are involved in a continuous flow of sudden changes. Observing, welcoming and transforming will be the central point of the first appointment. Learning to collaborate with what exists, and starting to discern what is needed from what is no longer functional is the central point of the next ".

What are the objectives?
"The intent is to allow those who want to find balance to acquire the tools, useful and effective. By putting oneself at the center, one can draw on one's potential and resources to face HERE and NOW what conditions or destabilizes him ".

Do you have any other appointments scheduled?
"From November 14, the cycle of 6 sessions entitled" The power of intention "begins. They will have a fortnightly frequency and will end on February 6, 2021. We intend to deepen the main points of the "Law of Attraction": what surrounds us is made up of energy that exerts great power, and we will provide the tools to understand and master it ".

More

Il 29 Ottobre è la giornata mondiale contro l’ictus cerebrale

Il 29 Ottobre è la giornata mondiale contro l’ictus cerebrale

Una malattia grave, invalidante, che ogni anno nel mondo colpisce tra 15 milioni di persone e rappresenta, secondo alcune stime, la terza causa di morte, la prima è di invalidità e la seconda di demenza. Per sensibilizzare su questo tema, il 29 ottobre viene celebrata la Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale, che quest’anno è dedicata alla curabilità di questa patologia, mettendo l’accento non solo sulla riabilitazione ma anche sulla prevenzione a cominciare dagli stili di vita corretti al riconoscimento precoce dei sintomi, alla necessità di pari opportunità nell’accesso alle cure. E’ proprio su quest’ultimo aspetto che si concentra l’attenzione della comunità medica: l’effetto del Covid-19 sulle malattie cardiocircolatorie ha portato a un drastico calo degli accessi in ospedale per paura del contagio. Il professor Francesco Setacci Direttore dell’U.O complessa di Chirurgia Vascolare dell’IRCCS Multimedica di Sesto San Giovanni e chirurgo vascolare presso la clinica di medicina e chirurgia estetica Juneco Milano City Life e Roma Est ci spiega questo fenomeno.

“Tra gli effetti dell’emergenza sanitaria da Coronavirus si sono registrati in Italia e nel mondo meno accessi in ospedale relativi a questa patologia. Si parla di un calo del 50% degli accessi per malattie cardiovascolari (Fonte Poliambulanza di Brescia), mentre i dati del Gruppo San Donato hanno registrata una diminuzione del 60% per infarto. Questi dati non significano che ci sia una riduzione dell’incidenza della malattia, quanto piuttosto una conseguenza preoccupante della paura del contagio, con risvolti negativi legati alla sopravvivenza delle persone”.

Secondo i dati del Progetto Cuore dell'Istituto Superiore di Sanità pubblicati da Siia (Società italiana dell’ipertensione arteriosa) l’ictus conta in Italia circa 200.000 casi ogni anno, di cui l'80% sono nuovi episodi e il 20% recidive, che riguardano soggetti precedentemente colpiti. L’incidenza di questa patologia aumenta progressivamente con l’età, raggiungendo il valore massimo negli ultra ottantacinquenni. Non sono dati rassicuranti, e il fenomeno è in costante crescita a causa dell’invecchiamento della popolazione. Quali sono le raccomandazioni?

“E’ di importanza vitale non sottovalutare i sintomi, quelli che prima dell’emergenza sanitaria facevano correre al Pronto Soccorso, anche a rischio di sovraffollamento. I disturbi non passano da soli. E’ importante che le persone a rischio sappiano che le attività ambulatoriali sono garantite, perciò attualmente le diagnosi vengono fatte tempestivamente. Gli interventi chirurgici con rischio imminente di vita al momento sono garantiti”.

Come riconoscere un ictus?

“Occorre attivarsi quando insorgono deficit sensitivo-motori a carico di un emisoma (faccia, arto superiore e inferiore da un lato solo), disturbi dell’eloquio, difficoltà visive come la diplopia (vedere doppio). La prima valutazione per capire la gravità del restringimento (stenosi) alla carotide viene effettuata in una struttura medica utilizzando un Ecocolordoppler, strumento che permette una precisa e affidabile diagnosi. L’importantissima fase riabilitativa dovrebbe già dal ricovero in ospedale, e poi proseguire nelle strutture ospedaliere seguendo percorsi controllati. Per questa ragione alla prima avvisaglia, che non va mai trascurata, è fondamentale agire in modo tempestivo recandosi senza paura ed esitazione in ospedale”.

More

October 29 is the world day against stroke

October 29 is the world day against stroke

A serious, disabling disease that affects 15 million people worldwide every year and represents, according to some estimates, the third cause of death, the first being disability and the second being dementia. To raise awareness on this issue, the World Day against Cerebral Stroke is celebrated on 29 October, which this year is dedicated to the curability of this pathology, focusing not only on rehabilitation but also on prevention starting with corrected lifestyles to the early recognition of symptoms, to the need for equal opportunities in access to care. It is precisely on this latter aspect that the attention of the medical community is focused: the effect of Covid-19 on cardiovascular diseases has led to a drastic drop in hospital admissions for fear of contagion. Professor Francesco Setacci, Director of the Complex Unit of Vascular Surgery of the IRCCS Multimedica of Sesto San Giovanni and vascular surgeon at the Juneco Milan City Life and East Rome clinic for aesthetic medicine and surgery explains this phenomenon.

"Among the effects of the Coronavirus health emergency, there have been fewer hospital visits related to this disease in Italy and in the world. There is talk of a 50% decrease in accesses for cardiovascular diseases (Source Poliambulanza di Brescia), while the data of the San Donato Group recorded a 60% decrease due to heart attack. These data do not mean that there is a reduction in the incidence of the disease, but rather a worrying consequence of the fear of contagion, with negative implications related to people's survival".

According to the data of the Heart Project of the Istituto Superiore di Sanità published by Siia (Italian Society of Arterial Hypertension) stroke counts in Italy about 200,000 cases every year, of which 80% are new episodes and 20% relapses. which concern subjects previously affected. The incidence of this disease progressively increases with age, reaching its maximum value in the over eighty-five year olds. These are not reassuring data, and the phenomenon is constantly growing due to the aging of the population. What are the recommendations?

"It is vitally important not to underestimate the symptoms, those that, before the health emergency, made people rush to the emergency room, even at the risk of overcrowding. Ailments do not go away by themselves. It is important that people at risk know that outpatient activities are guaranteed, so currently diagnoses are made promptly. Surgical interventions with imminent risk of life are currently guaranteed”.

How to recognize a stroke?

"It is necessary to take action when sensory-motor deficits arise in one hemisome (face, upper and lower limbs on one side only), speech disorders, visual difficulties such as diplopia (see double). The first evaluation to understand the severity of the narrowing (stenosis) of the carotid artery is performed in a medical facility using an Echocolordoppler, a tool that allows a precise and reliable diagnosis. The very important rehabilitation phase should already be from hospitalization, and then continue in hospital facilities following controlled paths. For this reason, at the first warning, which must never be neglected, it is essential to act promptly by going to hospital without fear and hesitation”.

More

Primi passi per gestire la Pandemic Fatigue

Primi passi per gestire la Pandemic Fatigue

Le nuove regole da rispettare, le restrizioni che limitano gli spostamenti e la preoccupazione del contagio legate al Covid-19 generano la Pandemic fatigue, come segnala l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità: vivere nell’incertezza ha come conseguenze stanchezza, apatia e demotivazione.
Fronteggiare la situazione che stiamo vivendo è complicato. Trovare equilibrio e chiarezza può essere d’aiuto per razionalizzare la situazione.
Un approccio in questa direzione è proposto con il ciclo di 3 incontri In Stabilità, dal 15 di novembre 2021 a Milano, che rappresenta un cammino a tappe per riconoscere le proprie emozioni, affrontarle, scoprirne gli aspetti che limitano e considerare quelli positivi.

Con una Laurea in Comunicazione e un Diploma di Counselor Professionista a indirizzo Psicosintetico, Barbara Dall’Argine è una delle due ideatrici dei corsi. Ci racconta come sono organizzati e quali sono le finalità.
“Iniziare a guardare da un’altra prospettiva, con maggior distanza e neutralità è importante per osservare con senso critico le situazioni. Vedere più da vicino cosa “vive” dentro ciascuno è il primo passo per attivare le risorse necessarie per convivere con ciò che accade all’esterno. E’ importante mantenere la stabilità mentre siamo coinvolti in un flusso continuo di improvvisi cambiamenti. Osservare, accogliere e trasformare sarà il punto centrale del primo appuntamento. Imparare a collaborare con ciò che c’è, e iniziare a discernere ciò che serve da ciò che non è più funzionale è il punto centrale di quello successivo”.

Quali sono gli obiettivi?


“L’intento è permettere di acquisire gli strumenti, utili ed efficaci, a chi desidera trovare equilibrio. Mettendo sé stessi al centro si può attingere dalle proprie potenzialità e risorse per affrontare QUI e ORA ciò che lo condiziona o destabilizza”.

Avete in calendario altri appuntamenti?


“Dal 14 novembre inizia il ciclo di 6 sessioni intitolato “Il potere dell’intenzione”. Avranno cadenza quindicinale e si concluderanno il 6 febbraio 2021. Abbiamo intenzione di approfondire i punti principali della “Legge d’attrazione”: quello che ci circonda è costituito da energia che esercita un grande potere, e noi forniremo gli strumenti per comprenderla e padroneggiarla”.

More

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss