Mille modi di dire nero

Scritto da: Francesca Marotta
Categoria: Come io vedo
29-06-2014

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sinonimo di autorità e di potere, ma anche di seduzione, di tenacia e di anticonformismo, il nero è stato il colore principale e l’atmosfera dominante della maggior parte degli eventi cui ho partecipato. Un protagonista assoluto anche delle cose che ho avuto il piacere di vedere e l’opportunità di toccare.

A partire dalle mostre fotografiche, di autori contemporanei e di mostri sacri del passato, da Cuneo a Milano. Poi ci sono i cosmetici per capelli, le borse imperdibili e le creazioni affascinanti di una giovane stilista, che ha scelto quello che è considerato “l’assenza del colore” come minimo comun denominatore della sua collezione.

Molti anni fa, quando ho iniziato a lavorare come giornalista, ricordo che rimasi enormemente stupita e incuriosita dalle colleghe della moda: vestivano sempre di nero. Una cromia al di sopra di tutte le altre, e perciò immune dall’essere contagiata da mode e da tendenze. Non solo, proprio per questo è considerata il massimo dell’eleganza. Fin troppo, oserei dire. All’eccesso, infatti, diventa noiosa e scontata. Da personalizzare, a parer mio, sempre con accessori interessanti, che parlino cioè di chi li indossa.


A thousand ways to say black

Synonym of authority and power, but also of seduction, of tenacity and unconventionality, black is the main color and the dominant atmosphere of most of the events I attended. An absolute protagonist even of things that I had the pleasure of seeing and the opportunity to touch. 

Starting from photo exhibitions of contemporary artists and superstars from the past, from Cuneo to Milan. Then there are cosmetics for hair, don’t waste handbags and the fascinating creations of a young designer, who has chosen what is considered the "absence of color" as the lowest common denominator of his collection. 

Many years ago, when I started working as a journalist, I remember that I was greatly surprised and intrigued by fellows fashion: always dressed in black. A colour above all others, and therefore immune from being infected by fads and by trends. Not only that, precisely for this reason it is considered the highest elegance. Too much, I dare say. Excess, in fact, becomes boring and too obvious. To customize, in my opinion, always with interesting accessories, that speak of who to the wearer.


Nero d’autore

Cesare Longhi, Riae Maleficent and the Raven’s Spell, 2014, fotografia e grafica digitale. Modella  Ria E. Mac Carthy. Vestito, trucco, corna  di Ria E. Mac Carthy

Ettone, Me and My Clothes, 2012, fotografia digitale. Modella Requiem Magnolia

Cunene, Atropos, 2012, fotografia e grafica digitale. Modella Corinna

Ho partecipato con grande curiosità all’anteprima della mostra il Cuneo Gotico a Cuneo. Innanzitutto perché ho scoperto una corrente artistica che ha sempre suscitato in me una certa indifferenza: il genere neogotico. E poi perché non conoscevo questa città piemontese, che chissà per quale motivo è sempre stata fuori dalle mie rotte. Una meta che si è rivelata una bella cittadina, ricca di storia e animata da cittadini dai modi cordiali. Insomma, un luogo che merita di essere visitato e scoperto.

La mostra collettiva Le camere Oscure fa parte del progetto triennale Il Cuneo Gotico, voluto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, ed è curata da Enzo Biffi Gentili, Direttore del Seminario Superiore di Arti Applicate/MIAAO di Torino. E’ allestita nella Chiesa tardogotica di San Francesco, uno scenario che ho trovato particolarmente adatto a ospitare foto e installazioni che raccontano il tema delle rovine e della morte.

Il bilancio di questa visita è decisamente positivo. Sono rimasta impressionata soprattutto dalla bellezza di molte delle fotografie esposte: scatti eleganti e raffinati, che mi hanno proiettata in un’altra dimensione, onirica e anche un po’ inquietante. Insomma, piacevole, probabilmente, proprio per questi contrasti.


I attended with great curiosity to the preview of the exhibition Cuneo Gothic in Cuneo. Firstly, because I have discovered an artistic current that has always aroused in me a certain indifference: the gothic genre. And then because i didn't know this city of Piemonte, which for some reason has always been out of my routes. That turned out a beautiful little town, rich in history and animated by citizens with friendly manners. In short, a place that deserves to be visited and discovered.

The collective exhibition The Dark Room is part of the three-year project The Cuneo Gothic, organized by the Foundation Cassa di Risparmio di Cuneo, and is edited by Enzo Biffi Gentili, Director of the Seminar of Applied Arts / MIAAO of Turin. It is set in the late Gothic Church of San Francesco, an environment that I found particularly suitable to accommodate photos and installations that tell the theme of the ruins and death.

The outcome of this visit is very positive. I was especially impressed by the beauty of many of the photographs exhibited: elegant and refined shots, which  have projected me into another dimension, dreamlike and even a little creepy. In short, pleasant,  probably because of these contrasts.


 Nero come il caffè

Sebastiao Salgado alla Triennale di Milano e illy sustainArt Collection per Expo 2015

L’occasione per saperne di più della mia bevanda preferita me l’ha offerta illy alla Triennale di Milano. Qui, dall’11 giungo nell’ illyartlab c’è l’esposizione di un reportage fotografico nelle terre del caffè firmato Sebastião Salgado. Scatti in bianco e nero, forti e intensi, che mi hanno proiettata nelle terre della Costa Rica e di El Salvador, dove il prezioso chicco è coltivato. Grazie all’abilità del fotografo, le immagini esposte mi hanno dato la sensazione di vivere il lavoro nelle piantagioni, oltre che di apprezzare la bellezza di territori lontani e di percepire il fascino dei riti locali.

Sempre alla Triennale di Milano sono esposte le nuove tazzine artistiche illy sustainArt Collection per Expo 2015 create da quattro giovani artisti provenienti da altrettanti Paesi produttori di caffè: Costa Rica, Guatemala, Etiopia e Honduras. Il tema è “Nutrire il pianeta, energia per la vita” e si inserisce in un progetto ideato nel 2007 da illy per estendere alla comunità artistica internazionale il suo approccio a una crescita sostenibile.

E a proposito di crescita sostenibile e di rispetto per l’ambiente, illy ha presentato anche Refilly, un sistema di ricarica del suo iconico barattolo, progettato per preservare la fragranza e l’aroma del suo caffè.


The opportunity to learn more of my favorite beverage, offer to me by illy at the Milan Triennale. Here, from 11 in June illyartlab there's the exposure of a photo reportage in the land of coffee signed Sebastião Salgado. Black and white shots, strong and intense, projecting us into the lands of Costa Rica and El Salvador, where the precious grain is grown. Thanks to the skill of the photographer, the images give us the feeling of experiencing the work in plantations, as well as to appreciate the beauty of distant lands and to feel the charm of the local rites.

Always at the Milan Triennale are exposed new artistic cups illy sustainArt Collection created for Expo 2015 by four young artists from many coffee producing countries: Costa Rica, Guatemala, Honduras and Ethiopia. The theme is "Feeding the Planet, Energy for Life" and is part of a project created in 2007 by illy for to extend to the international art community his approach to sustainable growth.

And speaking of sustainable growth and respect for the environment, illy has also introduced Refilly, a charging system of its iconic jar, designed to preserve the fragrance and aroma of his coffee.



 Nero come arte da indossare

Due creazioni di Alma Gemelli

I motivi floreali che si intrecciano in contrapposizione con sezioni anatomiche del corpo umano sono i protagonisti delle creazioni di moda di Alma Gemelli. Una giovane artista diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano che ha avuto l’idea di trasformare i suoi dipinti in una linea di abbigliamento.

Nei miei disegni voglio trasmettere il mistero della vita e della morte, dell’uomo e della natura. Tutto ciò che fa parte di noi, della nostra vita. Ossa, organi vivi o morti in contrasto con un fiore, una pianta, un colore. La vita”, racconta la creatrice.

Ho visto e toccato le sue creazioni: i tessuti sono di qualità come il cotone pettinato ring-spung, il marchio è ricamato e, per rendere il tipico effetto matita del disegno, ha utilizzato la stampa su raso.


The floral motifs that are woven in contrast with anatomical sections of the human body are the protagonists of the fashion creations of Alma Gemelli. A young artist graduated from the Academy of Fine Arts of Brera, who had the idea of transforming his paintings into a clothing line.

"In my drawings I want to convey the mystery of life and death, man and nature. Everything that is part of us, of our lives. Bones, dead or alive bodies in contrast with a flower, a plant, a color. Life", says the creator.

I have seen and touched his creations: the fabrics are of high quality such as cotton combed ring-spung, the brand is embroidered to make the typical effect of pencil drawing, used printing on satin.



Nero come la borsa con le frange

Gucci Nouveau

Le lunghe frange e il dettaglio in bambù sono le caratteristiche che balzano all’occhio della borsa Gucci Nouveau. Ma solo toccandola e indossandola se ne apprezzano altre caratteristiche interessanti, come la morbidezza della pelle e la leggerezza. E poi va indossata: è come non averla addosso e regala alla figura un movimento sinuoso e leggero come una carezza.


The long fringes and bamboo detail are the features of the Gucci bag Nouveau that catch the eye . But just by touching it and wearing it if they appreciate other interesting features, such as skin softness and lightness. And then worn it : it’s like not having him and gives the figure a sinuous movement and light as a caress.


S Spray Protettivo di Nera' Pantelleria

Nero per la bellezza

Nero e satinato è il flacone S Spray Protettivo di Nerà Pantelleria. Racchiude un’acqua leggera che protegge i capelli dall’azione di sole, vento e acqua di mare. Oltre all’olio di dattero nutriente, contiene ingredienti di cui una delle più belle isole del Mediterraneo è ricca: estratti di pietra vulcanica rimineralizzanti, ed estratto di mirto nero antiossidante. In più, regala un profumo delicatamente dolce che dura a lungo.


 

Black satin finish is the Protector S Spray bottle by Nerà Pantelleria. It contains a light water that protects hair from the action of the sun, wind and sea water. Besides nourishing oil, it contains ingredients which one of the most beautiful islands in the Mediterranean Sea is rich: extracts from volcanic stone, re-mineralizing, and black myrtle extract, rich of antioxidant. In addition, it gives a slightly sweet scent that lasts a long time.


Nero come gli pneumatici

Metaviaggio di Maurizio Galimberti

Anche gli pneumatici possono diventare piccole opere d’arte. Lo testimoniano questi scatti a mosaico firmati Maurizio Galimberti, che ha fotografato quelli a ridotto impatto ambientale Battlax SC Ecopia per Maxi Scooter di Bridgestone. Un’azienda nipponica che ha preso un impegno: produrre entro il 2050 materiale al 100% sostenibile. Sullo sfondo c’è Palazzo Margherita a Bernalda, dimora lucana di Francis Ford Coppola. Metaviaggio è una creazione che fa parte di un progetto di Bridgestone e Galimberti: cancellare dalla nostra memoria i copertoni abbandonati sui bordi delle strade, trasformandoli in piccolo elfi che giocano con la natura.


Even the tires can become small works of art. As reflected in these mosaic shots by Maurizio Galimberti, who has photographed those with a reduced environmental impact Battlax SC Ecopia for Maxi Scooter by Bridgestone. A japanese company that has made a commitment: to produce, by 2050, 100% sustainable material. In the background there’s Palazzo Margherita a Bernalda, Lucan residence of Francis Ford Coppola. Metaviaggio is a creation that is part of a project by Bridgestone and Galimberti: erase from our memory the abandoned tires on roadsides, turning them into little elves playing with nature.

 

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 / 300 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-300 caratteri
termini e condizioni.

Commenti

  • Nessun commento trovato

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss