Di marmo e di tela

Scritto da: Francesca Marotta
Categoria: Arte
25-03-2018

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cristo morto nel sepolcro e tre dolenti di Andrea Mantegna, tempera su tela,1470-1474, cm68x81, Pinacoteca di Brera, Milano.

Cristo velato, Giuseppe Sanmartino, statua di marmo, 1753, cm180x80x50, Cappella Sansevero, Napoli.

Il marmo è l'elemento che accomuna questi due capolavori assoluti. Da una parte, il piano d'appoggio su cui è posto il Cristo del Mantegna è una tavola fredda, sepolcrale, su cui il sacrificio giunge al suo epilogo. È tuttavia talmente terrena da non lasciar immaginare l'unicità del valore spirituale della Resurrezione che da questa si staccherà.

Mentre il caldo legno della croce ha trattenuto il sangue, il sudore e l'atroce sofferenza dell'agonia quasi a non volerla respingere per diventare essa stessa un simbolo, dall'altra la pietra dell'unzione ne accoglie e fissa l'eternità di un messaggio che passa per la materia e si fa storia.
Ma questa stessa materia, nella soluzione di Sammartino, assume dinamismo, morbidezza, trasparenza... È stavolta la pietra che si fa carne, spogliandosi della durezza che invece Mantegna sa descrivere con nitida chiarezza, dando allo stesso corpo di Cristo gelida consistenza. Paradossalmente, col pennello si riesce a rendere la rigidità di una materia dura; con lo scalpello, la fugacità di un qualcosa che di lì a poco dovrebbe perdere forma, volume, colore. E lo scultore ci riesce con straordinarietà quasi alchemica.
Entrambi gli esempi nascono sicuramente dalla fusione tra magia tecnica ed eccezionale resa di umanità e spiritualità, inevitabilmente produttrici della perfezione all'interno di un linguaggio artistico.

di Feliciano Marotta

 

Per approfondimenti
http://pinacotecabrera.org/proposte-educazione/intorno-a-mantegna-e-carracci/
http://www.museosansevero.it/it/cristo-velato/la-statua

  1. Commenti (0)

  2. Aggiungi il tuo

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss