Itinerari braidensi. Teschio delle mie brame... chi è il più bello del reame?

Scritto da: Francesca Marotta
Categoria: Arte
11-10-2015

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Meravigliosa Pinacoteca di Brera di Milano... interminabile universo di immagini e di spunti creativi. Ogni dipinto è un mondo a sé da esplorare e sezionare... per trovare il finito nel particolare. E di giochi se ne possono fare tanti... Nell'arte contemporanea spesso impera il gusto del macabro fine a se stesso e talvolta l'orrido sostituisce il bello. Diversamente nel passato la qualità tecnica e lo stile rendono appetibili oggetti di per sé poco attraenti. È il caso del TESCHIO, che si fa vivo nelle mani di un Crivelli, di un Tiziano, di un Bramantino o di un El Greco. E che pennellate... sciolte, nervose, precise, liquefatte! E che segni... incisivi, impercettibili, fusi col colore! E che dire dei volumi... solidi, indefiniti, geometricamente costruiti! Si potrebbe continuare all'infinito perché infiniti sono i linguaggi e i nomi interessanti. Appartengono al classicismo, al medioevo, al rinascimento, al barocco... Sicuramente si tratta di lezioni di puro stile, di laboriosa tecnica, di riconoscibile personalità. È il caso di affermare che l'orrido diventa bellezza.

Di Feliciano Marotta

Nella foto: un particolare di San Girolamo Penitente di Jusepe de Ribera

  1. Commenti (0)

  2. Aggiungi il tuo

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss