Un “tesoro” tra i tesori d'Italia

Scritto da: Francesca Marotta
Categoria: Arte
30-08-2015

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il tesoro d'Italia
Padiglione Eataly di Expo 2015 – fino al 31 ottobre 2015

Quante magnifiche opere tracciano il percorso del Tesoro d'Italia! E, vien da notare, quanti nomi non particolarmente noti hanno dato un enorme contributo alla fisionomia artistica del nostro Paese.
Gioiello tra i gioielli potrebbe essere definita la tavola con Le stimmate di S. Francesco, di Bartolomeo Della Gatta, artista nervoso, allucinato, bizzarro, ma gran costruttore di spazi e volumi.
Alla danza delle figure assiste lo sbigottito rapace, presago dell'evento e nel contempo messaggero della forza cristiana che l'episodio contiene. Esemplari, pittoricamente, la gestualità e lo smarrimento del frate, rimarcati dalla capacità di saper definire sguardi e movenze.
Il tutto è quindi avvolto da un'aura di gusto fiammingo che inevitabilmente riporta il pensiero alle preziosità di una tavoletta di analogo soggetto custodita nella Galleria Sabauda di Torino e dipinta da Jan van Eyck. Ma la grandezza del Della Gatta sta tutta nel riuscire a costruire un'azione teatrale giocando con volumi, equilibri e ironia, nonché aggiungendo finezze pittoriche di gusto nordico che internazionalizzano il prodotto. Grandissimo Bartolomeo... misconosciuto artista del miglior Rinascimento italiano!

di Feliciano Marotta

Nell'immagine in apertura:
particolari della tavola Le stimmate di S. Francesco di Bartolomeo Della Gatta

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 / 300 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-300 caratteri
termini e condizioni.

Commenti

  • Nessun commento trovato

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss