• francesca-marotta.jpg
29-12-2020

Il magico tocco delle skin therapist rende le pelle perfetta

Nel rispetto delle nuove misure per il contenimento del Covid-19, quest’anno festeggeremo una notte di San Silvestro un po’ diversa dal solito. Questo non significa dire addio al 2020 (finalmente) e dare il benvenuto al 2021 (incrociando le dita) trascurando il nostro aspetto. Semmai è vero il contrario: vedersi bene accende il sorriso, dà la carica e rende felici. Uno stato di grazia spiegato bene da una frase della scrittrice cilena Isabel Allende: «La felicità non è esuberante né chiassosa, come il piacere o l'allegria. È silenziosa, tranquilla, dolce, è uno stato intimo di soddisfazione che inizia dal voler bene a sé stessi». Curare adeguatamente la pelle, rendendola radiosa con trattamenti cosmetici che ne migliorano l’aspetto, rientra proprio in queste attenzioni.
Presentarsi in ordine è una iniezione di positività, per noi stessi e per gli altri. Che dice molto anche di noi. Dimostra, infatti, che ci vogliamo bene, e abbiamo voglia di andare avanti, nonostante tutto, con un atteggiamento attivo. Il tempo a disposizione è limitato, e per cancellare in poco tempo grigiore e piccole imperfezioni della cute del viso e del corpo, l’aiuto prezioso arriva dai trattamenti proposti dagli istituti di bellezza.

6 soluzioni per il viso
Per contrare secchezza, rossori e segni del tempo, Nova Luna et Stellis, tempio della bellezza del Dominio Mare, resort immerso in un parco naturale a Bergeggi (Savona), propone protocolli ad hoc che si avvalgono dei preparati Image Skincare, caratterizzati da formule cosmetiche all’avanguardia e rispettose dell’ambiente destinate alle skin therapist dei centri benessere. «Vital C è indicato per cute disidratata con rosacea o couperose, The Max è invece un bagno dermorigenerante a base di cellule staminali per pelli mature. E poi ci sono: Ormedic Lift, un contenente enzimi di zucca, ananas, papaya, mango e aloe vera, che restituisce equilibrio e rigenera, e 02 Lift Viso, che grazie a ossigeno, peptidi ed estratti enzimatici concentrati cancella all’istante i primi segni del tempo» spiega lo spa therapist Matteo Bonello.
- In Trentino, il Grand Hotel Terme di Comano, inserisce le preziose virtù rigeneranti delle preziose acque lenitive e idratanti nei rituali che rinvigoriscono l’incarnato. Nel Trattamento Bio Rivitalizzante Lifting sono unite alle cellule staminali vegetali e al collagene puro per rimodellare e ridefinire l’ovale e il profilo del collo, un cocktail di ingredienti che vengono fatti assorbire grazie a sollecitazioni che distendono i tratti del viso e rilassano. Short Viso Effetto WOW, invece, è una maschera di collagene puro che rimpolpa immediatamente i tessuti cutanei.

Un décolleté da sogno
Delicata e ancorata ai muscoli pettorali da legamenti sottili e fragili, la zona compresa tra mento e seno è anche carente di ghiandole sebacee, caratteristica che ne spiega la tendenza a diventare arida, e a segnarsi precocemente con microsolchi e discromie. Per attenuarle, l’estetista suggerisce sedute di radiofrequenza della durata di circa 20 minuti. «Gli impulsi elettrici generano calore che, a livello del derma, fa accorciare le fibre di elastina, rendendo la cute tesa e compatta», spiega Rosanna Dambra, skin coach Image Skincare.

Alghe e rulli per ridefinire la silhouette
Una delle apparecchiature brevettate più efficaci per disgregare gli agglomerati di adipociti e riattivare la circolazione sanguigna e linfatica, due problematiche spesso associate alla cellulite, è Endosphère Therapy, che sfrutta la microvibrazione compressiva generata da uno speciale manipolo costellato di 55 sfere. Ridisegna i glutei e riesce anche a contrastare i cedimenti e le lassità cutanee dovute all’età.
- Sempre in cabina c’è Bioslimming ad azione detossinante, anti-edemica, linfodrenante, snellente e capace di attenuare e smagliature. «Le braccia e il corpo vengono avvolti per 30/40 minuti in una pellicola trasparente dopo l’applicazione, accompagnata da un massaggio vigoroso, di una miscela di alghe, caffeina e oli essenziali di arancio, lemongrass, cedro e lavanda» racconta Rosanna Dambra. I risultati sono immediati e sono servono 6 sedute da ripetere due volte alla settimana, più un incontro di mantenimento ogni 10 giorni, per ridefinire e scolpire le curve. Ma non è una cura per tutte: «E’ vietata a chi ha problemi di tiroide e durante la gravidanza».

Sollecitazioni aromatizzate
I massaggi snellenti e tonificanti associati a un olio profumato sono sempre una buona idea per ritrovare tono e anche buonumore. Per individuare l’aroma giusto, il maestro indiano Dipu, guru delle discipline orientali che opera a Fonteverde, si ispira alla tradizione ayurvedica, l’antica medicina olistica nata in India oltre 3.000 anni fa che individua per ciascun individuo le essenze che danno equilibrio e armonia. Secondo uno dei principi di questa disciplina ogni persona alla nascita eredita una propria costituzione, unica e irripetibile, che rientra in uno dei tre dosha (tipologie di individuo): Vata dal fisico magro e scattante, Pita dalla struttura ossea mediamente robusta, e Kapha dall’aspetto solido e massiccio. “Naturalmente nessuno appartiene esclusivamente a uno di essi: ogni corpo muta costantemente. Ma osservando caratteristiche dell’individuo, l’esperto riesce a individuare la sostanza oleosa che racchiuda le note olfattive più adatte. Così, per esempio, l’essenza ideale per gli appartenenti al primo gruppo sono finocchio, lavanda, eucalipto e menta piperita purificanti; per il secondo sandalo e patchouli calmanti, mentre per il terzo rosmarino, salvia e limone stimolanti”.

Porta le terme a casa

Chi non ha la possibilità di raggiungere un centro termale ma ne apprezza le proprietà, Terme di Saturnia propone due prodotti della collezione Black Label che sfrutta i principi della neurocosmesi inserendo nelle formule ingredienti utili per favorire il rilascio di dopamina e serotonina, i neurotrasmettitori del buonumore. I prodotti consigliati sono Black Label Crema Ricompattante, con tè nero e oro colloidale, e Rejuvenation Siero, prezioso elisir di longevità cellulare che sfrutta le proprietà riequilibranti della Bioglea, l’alga organica con una componente minerale che cresce nelle acque sulfuree, e dalle proprietà esfolianti e idratanti.

19-12-2020

Libri di bellezza sotto l’albero

Chi ama truccarsi e vuol saperne di più, oppure vuole imparare a prendersi cura nel modo giusto della pelle o, ancora, sta prendendo in considerazione un ritocchino, troverà in questa selezione di libri da regalare (o regalarsi) ulteriori tasselli da aggiungere al favoloso mondo della bellezza

Meraviglia e orrido


I due volumi a cura di Umberto Eco non sono recenti, ma possono essere considerati immortali, sempre interessanti da leggere perché propongono un viaggio avvincente che esplora le evoluzioni nel tempo di ciò che l’occhio considera bello o brutto.
- Il saggio Storia della bellezza pubblicato nel 2004 è la rassegna di ciò che attraverso i secoli è risultato piacevole, e propone un'indagine affascinante del rapporto del sublime con il mondo dell’arte. Il tutto documentato dalle creazioni di artisti, poeti, romanzieri e immagini pubblicitarie. In copertina c’è il Ritratto di Eleonora di Toledo col figlio Giovanni di Agnolo Bronzino, particolare, del 1545 ca. Editore Bompiani. 
- Storia della Bruttezza è stato pubblicato nel 2007 e analizza un concetto generalmente trascurato dalla filosofia. Demoni, folli, abissi rivoltanti, difformità ed esseri ripugnanti raccontati da illustrazioni e immagini che attingono dalla storia dell’arte o descritte in brani antologici sono gli elementi che permettono di esplorare le varie manifestazioni del brutto. In copertina Sylvia von Harden di Otto Dix del 1926. Editore Bompiani.

Origini e sviluppo in due atti

Le appassionate che già conoscono la Storia del trucco e dei cosmetici - Dall’antichità all’Ottocento di Stefano Anselmo, maestro del make up e insegnante di trucco, apprezzeranno il secondo volume Storia del trucco e dei cosmetici - Dal Novecento a oggi. Mentre il primo illustra la nascita di queste arti di cui si trovano tracce già nel IV millennio a.C. in Mesopotamia fino a tutto l’Ottocento, il secondo esplora le epoche più recenti, dai ruggenti Anni Venti del secolo scorso fino ai giorni nostri. Una raccolta e rassegna di foto, illustrazioni, tecniche e metodologie che sono d’ispirazione sia per i principianti sia per gli operatori del settore. Per ogni epoca ci sono cenni anche sulle acconciature, con tavole che mostrano le pettinature più significative. Edizioni LSWR.

L’abc del profumo

La magia delle fragranze raccontate in due nuovi libri che propongono approcci differenti.
- Manuale della Grande Profumeria Italiana Cinquant’anni di essenze straordinarie è firmata da un'autentica esperta del settore, Marika Vecchiattini. Attingendo dalla produzione a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso a oggi, nella prima parte l’autrice ripercorre le situazioni che hanno segnato lo sviluppo di questa nobile attività diventata una delle eccellenze Made in Italy. Mentre la seconda sezione è dedicata alle schede descrittive di 100 celebri profumi e alle filiere di produzione, l’ultima parte racconta le circa 7.000 fragranze prodotte in Italia negli ultimi cinquant’anni. Silvana Editore.
- Per chi si avvicina all’universo delle note olfattive, il volume La Grammatica dei profumi di Ambra Martone rappresenta una sorta di abecedario che si rivela un valido strumento per ripercorrere la storia degli accordi più diffusi, con approfondimenti interessanti e a volte sorprendenti. Come quello che riguarda la Famiglia Orientale, che per le sue note ricche, ardenti e persistenti, tra cui spiccano vaniglia, legno e musk abilmente associati per evocare sensazioni esotiche e lussureggianti, ha rivoluzionato il gusto di un intero periodo. Era il 1925, e fu creata con Shalimar di Guerlaine. Una sezione è dedicata al savoir faire dei nasi creatori. Figure che possono diventare leggendarie quando riescono a creare jus di successo capaci di restare indelebili nella memoria perché capaci di sollecitare (e solleticare) i sensi. Edizioni Gribaudo.

La parola ai guru

Che l’alimentazione influisca sulla bellezza della pelle e dei capelli è un dato assodato. Per consentire a tutti di sfruttarne appieno il potenziale, il professor Nicola Sorrentino, medico nutrizionista, e Pucci Romano, dermatologa, nel libro Beauty food - La dieta della bellezza forniscono le indicazioni e i suggerimenti alimentari per nutrire, proteggere e rigenerare cute e capigliatura. In più, nel volume sono elencati tutti i suggerimenti per riparare i danni causati dal tempo e anche dallo stress. Inoltre, i due esperti suggeriscono una dieta equilibrata potenziata semplicemente dall’acqua e deliziose ricette, che rendono gli alimenti non solo fonte di nutrizione ma anche cosmetico, medicina e strumento per rallentare l’invecchiamento e raggiungere benessere ed equilibrio. Sperling & Kupfer.
- Sono sempre d’attualità i suggerimenti del chirurgo plastico Fiorella Donati contenuti nel libro Beauty Coach. L’esperta, che mette il bisturi in fondo alla lunga lista di possibilità che ogni persona possiede per essere e sentirsi più bella, individua nella prevenzione e nella determinazione le chiavi per avere un'epidermide radiosa. Integratori, attività fisica, una vita sessuale appagante sono gli elementi di una strategia che permette di rimanere in contatto con il proprio corpo, apprezzandolo e volendogli bene. Ritrovare armonia significa piacersi. Una condizione che innesca un circolo virtuoso, capace di incrementare energia e forza, che fanno funzionare meglio ogni componente dell’organismo, dal metabolismo alle difese immunitarie. Coltivare la bellezza, infine, fa vivere meglio ogni periodo dell'esistenza. Anche quello della maturità. Sonzogno.

Ritocchi, bisturi e beauty routine

Si può fare? Breve guida alla Chirurgia e Medicina estetica del chirurgo plastico Juri Tassinari è un agile vademecum per chi sta meditando di ricorrere al bisturi e al ritocchino. L’obiettivo di questo lavoro è fare chiarezza in un settore in cui ancora regnano confusione e falsi miti. Gli approfondimenti proposti permettono di approfondire le caratteristiche delle metodiche più diffuse. Un capitolo è dedicato alla scelta del professionista che esegue gli interventi, sottolineando quanto questa selezione debba essere accurata e mai frettolosa. Non dimentichiamo, infatti, che anche il trattamento più comune o, all’apparenza, semplice, se non correttamente attuata da un medico competente può nascondere insidie e imprevisti. Independently published.
- Curare la pelle del viso. Come creare una beauty routine efficace del dermatologo Francesco Antonaccio è un volume che suggerisce i passaggi che regalano una pelle levigata, pulita, idratata e dall’aspetto luminoso. Non si tratta di rimedi miracolosi, ma di un semplice programma basato in una prima fase sull'osservazione attenta delle proprie caratteristiche e, successivamente, nell’individuazione dei trattamenti cosmetici più adatti. Si tratta comunque di un metodo che può dare risultati unicamente se eseguito con rigore e costanza. Nel libro viene fornita anche la descrizione schematica dell’ecosistema cutaneo: una sezione interessante e preziosa che fa comprendere i maccanismi e le funzioni che ne determinano il benessere. Independently published.

Corpo e identità

Giada Todesco, conduttrice di un programma trasmesso su Sky, con il libro Healthy is Beautiful propone una filosofia di vita che punta sull’idea che lo stare bene con se stessi, la forma fisica, e anche la serenità e la gioia, dipendano anche dalla nutrizione. Che deve privilegiare cibi saporiti, sani, belli da vedere e anche rispettosi dell’ambiente.
Il volume suggerisce un approccio preciso che permette di raggiungere equilibrio e armonia anche con il mondo circostante. Secondo l’autrice, infatti, tutti possono alimentarsi bene senza per questo dover spendere un capitale né impiegare troppo tempo. Le piccole attenzioni si mettono in pratica già quando si fa la spesa e sono semplicissime: scegliere frutta e verdura di stagione, consumare la produzione locale ed evitare gli imballaggi ingombranti e inutili. Non solo. Propone 50 ricette fit, semplicissime e veloci, con materie prime selezionate di qualità, gluten free, vegetariane o vegane, costruite utilizzando ingredienti digeribili e alternativi a quelli utilizzati di consueto (come sciroppo d’acero, farina di farro, latte d’avena) è possibile recuperare un fisico levigato e scattante. Mondadori Electa.
- Con la prefazione di Diego Dalla Palma, la Cosmetica Umanistica© è un libro che denuncia la distanza tra la promessa di felicità di un cosmetico e il risultato spesso disatteso. L’autore Giannantonio Negretti, presidente di un network di aziende specializzate nella ricerca e sviluppo di prodotti per la cura di pelle e capelli, propone una nuova filosofia che renda il cosmetico strumento olistico focalizzato sull’individuo e sulle sue esigenze. Prendono forma così l’idea di un nuovo Rinascimento della Bellezza, che superi le tradizionali pratiche commerciali e metta al centro l’individuo, e il progetto Proud To Be, sostenuto dalla onlus Beauty Force, che punta a scardinare gli stereotipi e a promuovere e diffondere il Diritto alla Cultura della Bellezza e del Benessere con iniziative di sostegno dei giovani e delle persone fragili. Editoriale Delfino.

 

18-12-2020

Chirurgia e medicina estetica: 3 soluzioni per illuminare lo sguardo

Non c’è niente come uno sguardo sorridente per regalare un aspetto radioso al viso. L’aforisma di un anonimo spiega con efficacia questa magia: “Un sorriso costa meno della corrente elettrica, ma dà più luce!”. Un effetto amplificato quando la pelle del contorno è liscia e levigata, priva di imperfezioni. Quando, però, le cure cosmetiche non sono sufficienti per attenuarle, l’aiuto arriva dai chirurghi plastici e dai medici estetici, professionisti della bellezza che suggeriscono trattamenti mirati per ciascuna problematica.

La prima cosa da fare: individuare l’esperto
“Per superare ogni dubbio e non avere sorprese sgradevoli, il primo passo è individuare il medico estetico competente e con esperienza clinica, l’unico in grado di valutare e suggerire con precisione come intervenire con un approccio soft zona per zona” sottolinea il chirurgo plastico ricostruttivo ed estetico Fiorella Donati. “Le iniezioni sono strumenti straordinari per invertire i segni dell'invecchiamento, prevenirli e attenuarli: ma devono essere utilizzati nel modo giusto”.

Le rughette del contorno
“Le rughe perioculari, quelle “zampette di gallina” che incorniciano gli occhi e quelle glabellari verticali che compaiano tra le sopracciglia si trattano con il baby botox” spiega Donati. “Per ottenerlo vengono inoculate minime quantità di attivo assecondando l’andamento dei solchi cutanei. Il raggio d’azione è esteso e non esiste una mappa precisa: viene creata e costruita di volta in volta sulle caratteristiche personali”.

Un’alternativa
Per chi ancora non vuol ricorrere al botulino, per attenuare zampe di gallina e piccoli cedimenti Beautif-eye Fillmed è il protocollo che punta a biorivitalizzare la zona perioculare con un peeling soft e microiniezioni di un cocktail esclusivo di vitamine, aminoacidi e acido ialuronico non reticolato che non crea grumi. “Il rilascio delle sostanze rivitalizzanti si realizza con un sistema brevettato di microaghi che agiscono lontano dai bordi dell’occhio” sottolinea Francesco Marchetti, chirurgo plastico specialista in chirurgia plastica ed estetica. “Ha un effetto lifting sulle palpebre superiori, riduce le borse e appiana i solchi cutanei”.

L’intervento più richiesto
Per cedimenti importanti e borse serve il bisturi. “L’intervento più richiesto nella fascia d’età compresa tra i 40 e i 50 è proprio la blefaroplastica, perché la cute della palpebra superiore cede e aumenta il grasso perioculare, rendendo lo sguardo stanco e invecchiato” racconta il chirurgo plastico ricostruttivo ed estetico Fiorella Donati.

14-12-2020

Rivoluzionare la moda

Dire addio definitivamente all’inconsapevolezza e all’evanescenza e mettere in campo anche il senso di responsabilità quando si parla di moda è diventato un dicktat. E’ giunto il momento di affermare la nostra capacità di incidere sul futuro anche quando acquistiamo un nuovo abito. Gli strumenti si trovano nel libro La rivoluzione comincia dal tuo armadio di Luisa Ciuni e Marina Spadafora, che approfondisce accuratamente tutto quello che dobbiamo sapere sulla moda sostenibile.

Tenere conto dell’impatto etico e ambientale di un indumento, o di un accessorio, deve guidare ogni scelta. Inquinamento, sovrapproduzione, sfruttamento della manodopera dei Paesi più poveri sono alcuni dei problemi generati dall’industria fashion, e la strada per diventare consumatori consapevoli inizia proprio da ciò che possediamo: abbiamo bisogno proprio di tutto? E poi, acquistare meno e investire in creazioni durevoli deve essere il nuovo mantra. L’usa e getta va abolito, così la fascinazione del fast fashion: chi ci rimette se acquistiamo un paio di pantaloni a un prezzo “stracciato”?

Le due autrici individuano come fondamentale l’impegno degli acquirenti nell’innescare un processo che renda questo mondo eco friendly. Un primo passo lo stiamo vivendo adesso, con la crisi legata all’emergenza sanitaria del Covid-19 con gli analisti del settore che decretano il momento d’oro del vintage. Ma saremo in grado di mantenere questo stile di vita anche quando la crisi sarà finita? Editore Solferino Libri.

14-12-2020

Agli Uffizi, la Natività raccontata con il linguaggio dell’arte

Si aprono oggi le prenotazioni per accedere alle visite online di Uffizi sotto l’albero e ascoltare il racconto della nascita di Gesù Bambino attraverso le immagini di due quadri.
Tra i protagonisti spicca l’Adorazione dei Magi di Leonardo, un dipinto a olio su tavola e tempera grassa (246×243 cm), datato tra il 1481 e il 1482, che mette al centro della composizione il Bambino che fa un gesto di benedizione, rivelando la sua natura divina agli astanti come portatore di Salvezza.

«Questa iniziativa permetterà ai bambini di imparare a leggere l’arte come se fosse una fiaba meravigliosa, illustrata da dipinti veri: i capolavori del museo» spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidt. «Sarà non solo un’occasione per legare l’apprendimento al divertimento, ma anche un’opportunità unica per avvicinare anche coloro che sono fisicamente distanti, per chiamare a raccolta amici e parenti lontani, unendo affetto e conoscenza in occasione della festività più amata dell’anno».

Per accedere alla visita virtuale occorre prenotare, a partire da oggi lunedì 14 dicembre 2020 scrivendo una mail alle Gallerie degli Uffizi. Verrà fornito il link con spiegazioni per collegarsi. Il costo per attivare una ‘sala’ (in cui potranno accedere un massimo di 10 bambini) è di 40 euro. Sarà possibile chiamare anche amici e parenti lontani, o anche utilizzare questo spazio per riunire famiglie che vivono in regioni diverse o all’estero: tutti potranno ascoltare e interagire con il narratore. L’incontro, della durata di 30/40 minuti, inizierà con la scelta di due dipinti che si vogliono usare per il racconto, selezionandoli da una ‘lista natalizia’ (all’indirizzo www.uffizi.it/visite-speciali/uffizi-sotto-l-albero). Le conversazioni potranno essere anche in Lis, la lingua italiana dei segni, e a richiesta in altre lingue europee.

13-12-2020

Frammenti d’oro nelle cure di bellezza (e non solo)

A chi non piacerebbe fare un bagno nelle monete d’oro come Paperon de’ Paperoni? Potrebbe essere piccolo regalo per Natale che permetterebbe almeno di sperimentarne la sensazione. Sogni utopici a parte, un “assaggio” di quello che il magnate dei fumetti prova lo offre la cosmesi, che inserisce schegge del metallo pregiato nei trattamenti di cura della pelle per farla risplendere.
Ne faceva uso anche Cleopatra, che dormiva ogni notte con una maschera cui aggiungeva una polvere dorata finissima. Oggetto di studi che ne verifichino le proprietà stimolanti la microcircolazione sanguigna e linfatica decantata già dai tempi dell’Antica Roma, quando era inserita nei balsami antinfiammatori e antibatterici, non c’è dubbio che i prodotti che lo contengono appaghino i sensi. Regalando un effetto golden glow, procurato proprio dalla sua capacità riflettente: come d’incanto, e per effetto ottico, cancella le piccole ombre, riducendo la percezione visiva dei segni del tempo. Risultati da ampliare anche con i complici del make up, dalle polveri illuminanti ai rossetti. Danno, invece, una sensazione di ricchezza e lusso i profumi proposti in flaconi che sembrano essere rivestiti da una colata di pepite fuse.

Lancôme

Absolue Maschera Oro in Tessuto Illuminante & Rigenerante contiene estratti lenitivi e rigeneranti di Nobili Estratti di Rose e oro 24K. E’ fatta di tessuto non tessuto con tecnologia a tre fogli che mantiene la temperatura cutanea per favorire l’assorbimento degli ingredienti. 25,30 €.

Paco Rabanne

1 Million Parfum è un profumo spavaldo, audace e carismatico, racchiude una pulsazione salata costruita con tuberosa, ambraoxide e cashmeran. Il sentore di opulenza coriacea è dato dall’accordo di cuoio solare e dalla resina di cisto. A partire da 77 €.

Rephase

Femme d’Or 24K è una maschera rimodellante e illuminante viso che veicola in profondità particelle d’oro 24K racchiuse in liposomi. L’incarnato risulta rimpolpato, coeso e levigato. 220 €.

Penhaligon’s

Trade Routes Collection As Sawira è una eau de parfum sensuale ed esotica con zafferano, rose, garofano, labdano e ambra. Il suon nome trae origine da Essaouira che divenne il primo porto del Marocco nel XIX secolo. 202 €.

Maison Valmont

Storie Veneziane Mica D’Oro I estratto di profumo è il racconto avvincente del Casinò del Ridotto, luogo proibito e rifugio degli amori clandestini di Venezia. Con note di rum profondo e ardente, chantilly cremoso e sensuale e vaniglia opulenta calda e avvolgente. 490 €.

Fenty Beauty by Rihanna

Diamond Bomball-Over Diamond Veil Royal Icing Limited Edition si usa a piccole dosi per regalare alla pelle uno scintillio tridimensionale. In formula gel-polvere che si fonde a contatto con l’incarnato. In esclusiva su fentybeauty.com, 38 €.

Meridiano Milano

Capri on Boat 40° 32’ 59” N 14° 14’ 48” E è una eau de parfum che evoca la magia dei Faraglioni, i tre picchi di roccia che emergono dal mare grazie all’associazione di note di limone, mughetto, pesca, magnolia e legno di cedro. 130 €.

Carolina Herrera

Good Girl Eau de Parfum Supreme Irriverente è una fragranza irresistibile e sfacciato con frutti rossi esuberanti e fava tonka intensa e sensuale che introducono il gelsomino egiziano delicato e impalpabile. A partire da 70 €.

Becca

Shimmering Skin Perfector Pressed Mini Celebration Ornament dona lucentezza dorata e retroilluminata che non fa percepire lo scintillio delle gemme metalliche frantumate. Da Sephora, 20,50 €.

Artdeco

Awaken Your Golden Goddes Lip Jewels Pink Positive N°18 crea un colore dorato molto raffinato grazie a finissimi cristalli che si accendono sotto la luce. Contiene vitamina E e olio di noce protettivi. 21,30 €.

CND Vinilux

Locket Love è uno smalto brillante ad asciugatura rapida. Non si sbecca per una settimana. Con tecnologia che si rinforza quando entra in contatto con la luce naturale. 17,80 €.

LR Wonder Company

Hollywood Gold Crema Viso Oro 24K è un trattamento illuminante con microparticelle d’oro 24K colloidale, vitamina C e acido ialuronico. 49 €.

Eterea Cosmesi Naturale

Lift & Light Gold Mask è una maschera a base di cellule staminali di vite rossa antiossidanti e distensive piùoro 24K rigenerante. 50 €.

M·A·C

Frosted Firework Extra Dimension Skinfinish Flare For The Dramatic è una polvere scintillante con riflessi bronzo che si applica con un pennello per illuminare e perfezionare l’incarnato. 39 €.

Chrissie Cosmetics

Maschera Oro 24K di Oro colloidale unito a un complesso di aminoacidi stimolano la produzione di collagene, mentre l’Olivine Extract rallenta l’invecchiamento cellulare. 64 €.

 

 

12-12-2020

Metti la bellezza nei regali di Natale

Cofanetti con tutto il necessario per un make up impeccabile, oppure colmi di mini taglie dei trattamenti di cura per pelle e capelli che restituiscono luminosità e vitalità o, ancora, contenenti fragranze o bagnoschiuma profumati. E poi, styler e phon di nuova generazione che preservano il benessere della capigliatura. I complici della bellezza sono sempre graditi da chi li riceve in dono. Ecco una selezione.

Pillow Talk Dreams Come True di Charlotte Tilbury

Cofanetto a cassette dedicato alle vere appassionate che racchiude tutto il necessario per un make up impeccabile. 14 elementi tra eyeliner, ombretti, mascara, fard, lucidalabbra, matite per labbra e gloss. Da Sephora, 370 €.

La Mer

The Genaissance Set contiene lozione, siero e trattamento occhi dalla magica e lussuosa collezione per la cura della pelle a base di una rara alga rossa coltivata in modo sostenibile che aiuta ad aumentare la produzione di collagene. 1.090 €.

Valmont

Emotion in Gold by Didier Guillon sono vasi da collezionare decorati dall’artista che gioca sui riflessi dorati per dare movimento alle figure geometriche. Il prezioso elemento in resina bianca e oro accompagna Prime Renewing Pack, la leggendaria maschera antistress, nel nuovo formato da 75ml. Edizione Limitata, 830 €.

Aldo Coppola 

Nella Gift Box AMO ci sono i prodotti con micro proteine vegetali cheratiniche per capelli sfibrati Amo Rebuild: shampoo, maschera e mousse volume. Contiene invece zuccheri idratanti contenuti nell’estratto di agrumi il trattamento modellante e disciplinante. 81 €.

Germaine de Capuccini

La scatola Time Is On Your Side consente di comporre il kit regalo su misura. Acquistando un trattamento antietà a scelta, per esempio, tra quelli proposti nella foto, si ottiene in omaggio il contorno occhi Timexpert SRNS Detox. A partire da 60 €.

Foreo

 

Ufo 2 è un dispositivo di bellezza di nuova generazione che grazie all’alternarsi di caldo, freddo e pulsazioni soniche combinate alla luce Led potenzia l’assorbimento dei principi attivi contenuti nella maschera viso. A partire da 179 €.

Purophi

Home Spa contiene Crema Mani all’acido glicolico, Peeling al sale, Detergente corpo e capelli agli oli essenziali, burro soffice corpo agli agrumi, Pediluvio e Crema Piedi balsamica: 6 cosmetici ecobio, vegan friendly, testati al nikel e Made in Italy.78 €.

Darphin

 

Stimulskin Plus Cream & Massage Tool sono, rispettivamente, una preziosa crema a base di un cocktail esclusivi di agenti botanici che riattivano la produzione di collagene tonificante; e lo strumento d’acciaio inossidabile reattivo e termoconduttore che potenzia il risultato. 225 €.

Christian Louboutin Beauty-Makeup

So Rouge Holiday Limited Edition è un rossetto/ciondolo dal finish glitterato e con formula idratante. Su luisaviaroma.com, 85 €.

T3

Lucea ID è una innovativa piastra studiata per personalizzare la temperatura, che può essere calibrata sulle proprie esigenze grazie alle 9 impostazioni intuitive disponibili sul touch screen. Con lamelle di ceramica. € 245.

Givenchy

Nella scatola rossa ci sono Volume Disturbia Mascara, il rossetto Le Rouge e il profumo inebriante con un bouquet di fiori bianchi, patchouli e vetiver L’Interdit Edp. Da Sephora, 31,50 €.

Davines

The Circle Chronicles Box è una scatola decorata dall’artista londinese Kevin Wilson che rappresenta una sognatrice amante della natura, ci sono 4 maschere che rigenerano profondamente la chioma. 33,40 €.

Benefit Cosmetics

Nel barattolo di latta Badgal To The Bone Holiday Tin Styled ci sono un mascara volumizzante, un trattamento viso levigante le imperfezioni cutanee e una cipria abbronzante. Da Sephora, 36,90 €.

Biorritz Organic Products 

Nel Kit Trattamento Viso con i sieri antirughe e idratanti c’è il massaggiatore per il viso Jade Roller. Su amazon.it, 29,99 €.

Milk Make Up

Nel Set Here For The Party di ci sono eyeliner waterproof, primer che prolunga la durata del trucco, mascara volumizzante con pigmenti puri, gel per sopracciglia, siero schiarente e idratante. Da Sephora, 42 €.

Limelife by Alcone

Wizard of Eyes è un “cristallo” contenente 5 matite per il contorno occhi con doppia mina. 80 €.

CoSTUME NATIONAL

Homme è una scatola preziosa che contiene due eau de parfum da 100ml e da 30ml. 83 €.

Murad

L’illustratore Patrick Hruby ha disegnato la scatola Dew Goode contenente 4 prodotti: detergente esfoliante, crema gel fresca idratante, siero intensivo rivitalizzante e un olio a base di vitamine antietà. 75 €.

Indola

Color Shampoo, detergente prolunga la durata della tinta e preserva la brillantezza del nuovo colore, e Hydrate Spray Conditioner, nutriente, nel sacchettino Xmas Bag proposto in 3 varianti colore. 38,90 €.

ghd

Wish Upon a Star Limited Edition contiene l’asciugacapelli professionale Helios progettato per velocizzare la messa in piega. 189 €.

Essence

X-Mas Wishes Candy Kisses Too Cute To Be True! sono motivi natalizi adesivi per decorare le unghie di, 1,69 €.

 

09-12-2020

Alighiero Boetti, sciamano e showman

Sky Arte, 16 dicembre 2020 alle 21,15

La sua idea di arte era molto precisa, come dichiarò in un’intervista del 1986: “Avevano ragione gli Etruschi a fare le foglie blu: dipingere una foglia blu è un atto di invenzione del mondo, dato che la foglia verde esiste già come tale nel regno delle cose e sarebbe meno interessante come rappresentazione". Un'affermazione che sintetizzata la sua poliedricità, oltre al senso ludico ed esistenzialista della sua produzione.
Chi ha perso la mostra che Galleria Tornabuoni a Milano ha dedicato al racconto dei 23 anni che Salman Ali ha passato accanto a uno dei uno dei maggiori artisti del novecento, non deve assolutamente lasciarsi sfuggire un appuntamento imperdibile che Sky Arte trasmetterà in Museovisione il 16 dicembre 2020 in occasione degli 80 anni dalla nascita di Alighiero Boetti.

Disponibile anche on demand e in streaming su Now Tv, il film verrà lanciato in anteprima assoluta in Museovisione sui siti internet di sei tra i più importanti musei d’arte contemporanea italiani: Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli - Torino; Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato; GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo; Madre - Museo d’arte contemporanea Donnaregina, Napoli; MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna; MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma.

Immagini di repertorio e opere coloratissime ed enigmatiche ripercorrono una breve e folgorante parabola artistica: gli inizi segnati dall’adesione al movimento dell’Arte Povera, il grande fermento creativo degli anni Settanta, che ha dato luce ai suoi capolavori, il successo arrivato a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, la postuma consacrazione tra i grandi.

A più di 25 anni dalla morte, questo lavoro prova a rendere la vitalità del pensiero, l’intelligenza velocissima e la grandezza dell’opera di un autore che ha saputo rendere il quotidiano oggetto dell’arte e veicolo di bellezza. Grazie alla grafica animata, le 16 lettere del nome Alighiero e Boetti diventano 16 parole chiave (Afghanistan, bellezza, bic, gemelli, Giappone, mani, manifesto, mondo, numeri, Parigi, regole, ricami, ritmo, tempo, tutto, viaggio) che scandiscono i capitoli del film.

Nella foto: un particolare di uno dei suoi celebri arazzi di in cui sono inserite, suddivise in griglie, frasi e motti inventati dall'artista.

02-12-2020

Oliviero Toscani, lo shop on line del “cattivo” della fotografia

Per scoprire qualcosa in più di un maestro della fotografia c’è lo shop on line Oliviero Toscani Bazaar: 100 fotografie ciascuna in 4 formati e declinate in altrettante fasce di prezzo. Un’occasione unica per esplorare il mondo del creativo italiano provocatore e irriverente, autore di tante campagne pubblicitarie che hanno mixato attualità e comunicazione commerciale.

Un tocco inconfondibile

Le sue foto fanno da sempre discutere. San Francesco, ultima di una lunga serie realizzata per gli spot Benetton, è del 2019 e ritrae un gruppo di giovani senza veli è un inno contro le guerre civili, le mafie le violenze urbane, i conflitti etnici, contro le guerre di faglia e di religione, contro il terrorismo e contro tutti i razzismi risorgenti.

La collaborazione con Andy Warhol

L’autore ha fatto parlare molto di sé anche per i ritratti di personaggi che sono passati alla storia. Per esempio, nel 1975 riuscì a convincere l’amico ed esponente della Pop Art a posare per un servizio di moda nel suo studio di Canargie Hall a New York, persuadendolo a indossare abiti che non avrebbe scelto. Quando, anni dopo, venne in Italia, disse a Toscani che la gente per strada lo riconosceva perché lo aveva visto su "Vogue".
I 5 mestieri del fotografo
Le fotografie di Oliviero Toscani lanciano sempre un messaggio, e hanno un appeal così irresistibile per il suo particolare approccio. “Cellulari sempre più evoluti consentono a chiunque la possibilità di realizzare scatti incredibili. Ma questo non basta per creare qualcosa di memorabile e che lasci il segno. Il fotografo deve mettere insieme almeno cinque diverse professioni: deve essere autore, sceneggiatore, scenografo, regista, direttore della fotografia e anche cameramen, ovvero chi scatta, ma solo

28-11-2020

Il Calendario dell’Avvento in bellezza aspettando Natale

I Calendari dell’Avvento Beauty sono piccole e grandi scatole colorate, spesso decorate da illustratori e artisti, che racchiudono da 12 a 24 oggetti per la cura della pelle e per il trucco in versione mini o normale. Da scoprire, e da provare, ogni giorno dal primo dicembre fino a Natale. Per regalarsi momenti di creatività e spensieratezza. Non solo. Rappresentano il modo più divertente per provare qualcosa di nuovo.

Gallery

The Twelve Days of Luminous Hydration Advent Calendar di La Mer
12 lussuosi SOS per la pelle tutti infusi con il leggendario rigenerante cellulare Miracle BrothTM: da Renewal Oil, ormai diventato un culto, l’iconica Crème de la Mer. 400 € circa.

Shake Your Beauty di Benefit Cosmetics
Contiene 12 prodotti iconici in formato mini per il trucco della pelle, delle ciglia e delle sopracciglia. Da Sephora, 69 €.

Christmas Collection Advent Calendar di Jo Malone London
Un conto alla rovescia fino a Natale scandito da fragranze esclusive, creme e detergenti per il corpo profumati e candele aromatiche in miniatura. 400 €.

Advent Calendar di Sephora
25 alleati della bellezza, dalle cure per la pelle al mascara, sono nascosti nei piccoli cassetti di cartone. 119 €.

Calendario Chiosco Provenzale di L’Occitane
Celebra la natura e i suoi ritmi il cofanetto con 24 trattamenti per viso e corpo impreziosito dal disegno dell’illustratrice francese Edith Carron. 59 €.

Charlotte Bejewelled Chest of Beauty Treasures di Charlotte Tilbury
Nei cassettini con I pomelli a forma di diamante ci sono 12 prodotti per la cura della pelle del viso e per un make-up scintillante. Da Sephora, 75 €.

La Maison Valmont Féérie
Un cofanetto prestigioso he propone 12 prodotti iconici della maison, dai trattamenti lussuosi più amati (dalla maschera Prime Renewing Pack all’acqua purificante essenziale Aqua Falls) ai nuovi profumi per lei e per lui (da Casanova 2161 a Jazzy Twist). 320 €.

Calendario dell’Avvento 2020 by Maité Franchi di Kiehl’s
L’illustratrice specializzata in grafic design veste di gioia il cofanetto che racchiude 23 cosmetici che uniscono il meglio di natura e scienza per viso, corpo e capelli. 89 €.

Calendario dell’Avvento di Acqua di Parma
Ricorda una luminosa ed esclusiva casa italiana con le finestre che svelano 24 sorprese. Oltre alle creme corpo e alla fragranza da vaporizzare sui capelli c’è anche una piccola ceramica decorativa. 400 €.

Calendario dell’Avvento Beauty di Vanity Space Blog in collaborazione con Menta & Rosmarino
30 cosmetici per le amanti della cosmesi green. 100 €.

Calendario dell’Avvento 2020 di Dr. Hauschka
Una selezione di 24 cosmetici green per viso e per corpo. 79,90 €.

Calendario dell’Avvento Rituals
24 trattamenti per il corpo, per il viso e candele profumate. 60 €.

Calendario dell’Avvento Make Up di Douglas Collection
Tutto il necessario per il trucco viso, occhi, labbra, unghie più gli accessori è nascosto dietro le 24 caselline dei cofanetti dove sono raffigurate le principali città europee. 24,95 €.

Calendario dell’avvento di My Beauty Routine
Nella scatola ci sono 24 cosmetici coreani. In edizione limitata e personalizzabile. 119 €.

Calendrier de L’Avent di Yves Rocher
24 caselline da aprire ogni giorno per provare trattamenti idratanti per viso e corpo, prodotti per i capelli, trucchi e profumi. 49,95 €.

Advent Calendar Set di Clinique
25 preziosi trattamenti per la cura della pelle racchiusa in una scatola colorata. Da Sephora e Rinascente, 99 €.

25-11-2020

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Continuiamo a sostenere le iniziative di supporto

In Lombardia, un boom di violenze in famiglia durante il lockdown viene denunciato da Elisabetta Aldrovandi, presidente dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime. «Le chiamate al Numero Anti Violenza e Stalking 1522, gratuito e attivo 24 ore su 24, anche via chat, nel periodo compreso tra marzo e giugno 2020 sono più che raddoppiate rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+119,6%), passando da 6.956 a 15.280». Dal 2000. su iniziativa dell'Onu (Organizzazione delle nazioni unite), il 25 novembre è diventato il giorno dedicato alla sensibilizzazione sulla violenza contro le donne. Un fenomeno globale e sotterraneo che ha le dimensioni di una terribile pandemia: 1,2 miliardi di donne nel mondo l’ha subita. Secondo i dati diffusi dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) lo scorso aprile, inoltre, il confinamento domiciliare ha favorito ogni tipo di sopruso, che sono triplicati rispetto allo stesso periodo del 2019. Sopraffazioni che riflettono percorsi di uguaglianza soffocati e diritti negati. Combatterle rappresenta una delle sfide fondamentali e più difficili del ventunesimo secolo
«Ci prepariamo a affrontare mesi in cui il disagio psicologico, l'ansia e la rabbia repressa potrebbero sfociare in azioni violente, soprattutto in ambito domestico: la vicinanza e l'assistenza psicologica saranno fondamentali» aggiunge Aldrovandi. E’ importante dunque continuare a sostenere i servizi di supporto e assistenza a chi riesce a dire basta, e le iniziative che favoriscono la realizzazione di una concreta parità nel mondo del lavoro.

Il muro delle bambole

Da sempre impegnata nella battaglia contro le violenze, Jo Squillo nel 2013 ideò l’installazione artistica Wall of Dolls di via De Amicis, a Milano: una grande griglia su cui porre foto di vittime di abusi e bamboline, che rappresenta un invito ai passanti a fermarsi, guardare e riflettere su questa piaga. Una creazione supportata da 50 stilisti, 20 artisti e 30 associazioni no profit, con le allieve della sartoria della Scuola San Giusto che hanno realizzato le bambole di stoffa ispirate alle classiche pigotte. Nel tempo è diventato un modello di sensibilizzazione anche in altre città italiane: nel 2019 Donatella Versace ha inaugurato quello di Venezia.

Il segno rosso sul viso

Con il volto dei giocatori segnato da una striscia rossa sul viso (nella foto Alessandro del Piero) la Lega Serie A anche rinnova l’impegno nella difesa dei diritti delle donne #UNROSSOALLAVIOLENZA promossa da WeWorld e giunta alla quarta edizione. «Uno dei problemi più difficili di chi lavora con le vittime è proprio riuscire a intercettarle e farle uscire allo scoperto. Per contrastare il problema serve intervenire sugli effetti della violenza, fisica ed economica, e stare al fianco di chi vuole costruirsi una vita nuova, ma è altrettanto importante accendere un riflettore, parlarne, far sentire a queste donne che non sono sole. La collaborazione con il più alto livello professionistico del campionato italiano di calcio ci permette di innescare movimento potente che dica alle vittime che un’altra vita è possibile» spiega Marco Chiesara, Presidente di WeWorld.

Sostenere la parità

Il progetto Scarpette Rosse nasce nel 2017 dallo staff creativo di DAPHNÉ con il foulard di seta punteggiato di piccole red shoes. Durante il 65° Congresso mondiale delle donne imprenditrici svoltosi a Roma, la neo presidente eletta, Marie Christine Oghly, lo indossa durante la manifestazione Stop Violence Against Womens in Piazza di Spagna a Roma. Le attività a sostegno della parità di genere con focus sul lavoro coinvolgono: Patrizia Schiarizza dell’Associazione Giardino Segreto per gli orfani delle donne vittime di femminicidio; Rosella Scalone con il Progetto #NONPOSSOPARLARE (SPX Lab) cui verrà devoluto per il 2020/2021 parte del ricavato della vendita del foulard Scarpette Rosse; Paola Guerra con Romeo&Juliet wedding #nonsmettiamodisognare; Veridiana Meleleo speaker radiofonica (SM Radio) con la sua rubrica "Beauty Outing", e Alessia Cotta Ramusino, compositrice e cantante con la sua iniziativa "100 donne vestite di rosso".

La coercizione inizia dalle parole

La violenza non è solo fisica. Intimidazioni, umiliazioni e colpevolizzazioni sono modalità che utilizzano le parole per danneggiare e intaccare la fiducia in se stesse. «Il linguaggio influenza il modo in cui ci relazioniamo e formuliamo giudizi sugli altri. La parola ha un grande potere, e ci sono ancora molte espressioni che confermano quotidianamente il pregiudizio subconscio secondo cui gli uomini sono intellettualmente, fisicamente e moralmente superiori alle donne» dice Sara Grippo, Senior Editor team di didattica di Babbel, l’App studiata per fornire gli strumenti per superare le barriere linguistiche. Così la piattaforma online ha stilato una lista di espressioni che feriscono. Le più subdole riguardano gli attacchi all’autostima. Spesso chi vive una situazione di violenza ha difficoltà a uscirne perché il maltrattante la umilia al punto da distruggere la forza e la sicurezza di sé necessarie per abbandonare la relazione. Le espressioni più diffuse sono "Zitta, a nessuno importa quello che dici", "Nessuno ti crederà" o ancora "Sei pazza, non è mai successo, ti inventi tutto".Gli eventi dall’epilogo più grave vengono narrati come “delitti passionali”, gesti folli dovuti al “troppo amore” o giustificati dalla gelosia come qualcosa che “acceca”. Inoltre, spesso l’aggressore viene ritratto come una persona per bene per suscitare empatia nei suoi confronti, ad esempio “Sportivo, credente e ottimo lavoratore: il ritratto di X”.

Il tabù innominabile

La brutalità si manifesta anche con il persistere di falsi miti che gettano ombre sulla donna. Una di queste è la puntualizzazione dell’età e dell’invecchiamento. Tena Lady prova a rompere gli schemi con la campagna #SenzaEtà. La collaborazione con Yorgos Lanthimos, regista del film premio Oscar La Favorita, ha permesso la creazione di un video che racconta in modo autentico la forza femminile che non si vergogna dei segni che il tempo lascia sul corpo, comprese le perdite urinarie. Lo scopo è de-stigmatizzare gli stereotipi sull’incontinenza. Ma non solo. Il brand del Gruppo Essity ha scelto di legarsi a Soroptimist, l’associazione che riunisce figure con elevata qualificazione professionale impegnata per l’avanzamento della condizione femminile nel mondo del lavoro, finanziando 20 borse di studio per il Corso di Formazione Leadership e genere nella società 4.0, organizzato in collaborazione con SDA Bocconi di Milano e rivolto a laureate con meno di 29 anni.

Un periodo su cui si ironizza

Un altro preconcetto riguarda le mestruazioni, una vera macchia culturale, oggetto di pregiudizi e superstizioni e di cui l’uomo continua a parlarne con ironia e sarcasmo. Con il libro Period Girl, Giorgia Vezzoli propone un cambio di prospettiva, trasformandole da tabù innominabile a protagonista assoluto. Il volume racconta in modo ironico e irriverente la genesi di una supereroina che, proprio grazie al flusso mestruale, può salvare il pianeta dalla deforestazione, contrastando i cambiamenti climatici e collaborando con le più importanti organizzazioni internazionali. Questo testo è l’ultimo nato della collana narrativa di Settenove, casa editrice nata nel 2013 dedicata alla prevenzione della discriminazione e della violenza di genere attraverso albi illustrati, saggistica, narrativa e percorsi scolastici.

Un aiuto per ricominciare

Le borse Hermy nascono dalla collaborazione tra l’azienda toscana di accessori Gianni Chiarini e D.i.Re, la più grande associazione nazionale di centri antiviolenza, che individua le radici degli abusi nella storica disparità di potere tra i sessi. Parte del ricavato della limited edition creata per questo progetto andrà a “Doti di autonomia”, il cui obiettivo è l’attivazione di un fondo erogabile alle donne con una storia di abusi che concludono il percorso di ricostruzione della propria esistenza e cercano di ricominciare. Il contributo è destinato a coprire le spese di caparra e i primi mesi di affitto di una casa, l'attivazione e le prime mensilità delle utenze, l'acquisto di elettrodomestici o arredi indispensabili e ogni altra spesa utile al percorso di autonomia abitativa ed economica.

Il club della condivisione

Nato circa trent’anni fa, il Benvenuto International Club di Varese è un’associazione formata da donne di nazionalità diverse, con lo scopo di costituire uno spazio di dialogo per agevolare l’inserimento nel mondo del lavoro. Per supportare la loro attività Metradamo Maison Moda Chic, brand di moda specializzato nella confezione di pantaloni femminili, organizza sfilate che coinvolgono le associate per favorire scambi e confronti relativi alle esperienze lavorative.

Lo sguardo delle artiste

L’arte è sempre più spesso in prima linea per denunciare la condizione femminile. A La Fondazione Nicola Del Roscio a Roma, la mostra Claire Fontaine | Pasquarosa | Marinella Senatore a cura di Pier Paolo Pancotto propone per la prima volta insieme tre artiste, molto differenti tra loro per generazione, stile e cultura, ma accomunate dalla medesima sensibilità verso i temi del ruolo della donna nel contesto sociale in cui viviamo, che abbraccia politica, religione, violenza, differenze di genere e libertà individuale. In programma sino a sabato 16 gennaio 2021, è attualmente chiusa al pubblico in ottemperanza alle misure di contenimento della diffusione del Covid-19, previste dal nuovo DPCM.
Nelle immagini da sinistra:
Marinella Senatore, Untitled, 2020, 27 canvas; Claire Fontaine, Beauty is a ready-made, 2020, mixed materials e Pasquarosa, Angelina, 1915, oil on canvas.

 

18-11-2020

Dante Alighieri. Un albero che fruttifica, non una voragine che inghiotte

Sono passati 700 anni dalla morte di Dante, eppure i versi del suo poema allegorico-didascalico scritto in terzine incatenate e di endecasillabi continuano a essere letti, studiati, interpretati. Una magia che si esprime anche con le immagini. Quelle di Gustave Doré, per l'esattezza. Il visonario ed eclettico artista del XIX secolo, considerato il più grande interprete del Medioevo, con le sue 135 tavole della Divina Commedia (oggi custodite dalla Fondazione Alinari di Firenze) ha dato una interpretazione molto evocativa e avvincente del viaggio immaginario intrapreso dal narratore, permettendo di “vedere” con gli occhi di Alighieri i tre regni ultraterreni che lo hanno condotto alla visione della Trinità.
Sono proprio queste ultime, che saranno proposte anche digitalizzate, il fulcro della mostra dedicata al padre della lingua italiana Dante. Il poeta eterno, in programma dal 14 settembre 2021 al 10 gennaio 2022 negli spazi del Complesso Monumentale di Santa Croce a Firenze.
Si tratta di un progetto-evento molto articolato con un percorso interattivo che si sviluppa tra immagini statiche e realtà virtuale che promette un’immersione reale nel mondo e nel pensiero del Sommo Poeta. L'ideatore è Felice Limosani, digital story teller, che si è ispirato da una frase di Alighieri che si auto-definiva: "Un albero che fruttifica e non una voragine che inghiotte”. Non ci saranno, dunque, “spiegazioni” delle sue opere ma un “racconto” del suo linguaggio universale a cominciare dal lascito culturale, morale e spirituale. «La sua sterminata eredità non rimane immobile ma ha la straordinaria capacità di rinnovarsi e di parlarci ogni volta in modo diverso. La meraviglia di Dante è che rimane sempre attuale: secolo dopo secolo la sua opera immane e poliedrica. A partire dalla Divina Commedia, infatti, ha sempre nuovi livelli di lettura e di conoscenza» ha commentato Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura del Comune di Firenze.

Ma c’è dell’altro. Il progetto ha un altro obiettivo: creare una grande mostra dai contenuti fruibili anche come didattica digitale nelle scuole, da inserire anche nella programmazione scientifica a beneficio di attività sociali e di cura ospedaliera. «La rivoluzione digitale non solo apre a nuove visioni espressive con linguaggi inediti, ma sta cambiando il modo in cui la cultura viene rappresentata, fruita e divulgata» sottolinea Felice Limosani. Il connubio tra tecnologia e arte offre una sintesi innovativa, una umanistica digitale, insomma, che offre benefici maggiori di quelli ottenibili della somma di entrambe. In questa dimensione, il patrimonio storico culturale viene reso attuale e condiviso come esperienza multidisciplinare che si espande negli ambiti museale, didattico e sociale, fino a coniugare cultura, educazione e solidarietà. Con questo approccio rigoroso si diffonde cultura. A questo proposito sono state già avviate delle collaborazioni per la pianificazione di un lavoro tecnico scientifico che a vario titolo coinvolge educatori, docenti, pedagogisti, psicologi, sociologi, neuroscienziati ed esperti della Comunità di San Patrignano, della Fondazione dell'Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze, dell’Istituto Dino Compagni di Firenze e del Conservatorio San Niccolò di Prato.
«Recenti studi hanno dimostrato che le cyberterapie e le realtà multisensoriali simulate, impattano positivamente sui programmi di reinserimento, riabilitazione sociale e cura» conclude Beatrice Garagnani Ferragamo, Presidente Onorario Comitato Scientifico.

 

Foto 1 in apertura: a sinistra l’incisione originale Paradiso Canto 31 1-3 di Gustave Doré, a destra l’elaborazione digitale di Felice Limosani.
Foto 2: Santa Croce a Firenze.

17-11-2020

Le palette di ombretti e l’arte del colore

Racchiuse in astucci decorati e accattivanti, sempre più sottili e compatti, le tonalità luminose e opache, chiare e scure, finemente metallizzate o glitterate, dei nuovi ombretti sono un invito alla sperimentazione. Con selezioni cromatiche ben congegnate per armonizzarsi tra loro, le palette rappresentano un modo pratico per cimentarsi, senza limitazioni, nell’affascinante arte del colore.

Fasi preliminari
Per garantirsi un risultato impeccabile e a lunga durata, prima di iniziare è sempre opportuno attrezzarsi e tenere a portata di mano alcuni elementi che semplificano l’applicazione e migliorano la resa. Ecco i passaggi da seguire di Giada Venturotti makeup artist QSTUDIO MAKEUP-RP.
Picchiettare un primer specifico è sempre d’aiuto: sono più trasparenti e leviganti di quelli progettati per il viso, fissano e prolungano la durata del risultato ed evitano inestetici addensamenti nelle pieghe palpebrali.
In caso di occhiaie e imperfezioni usare un correttore è sempre consigliabile: non solo permette di mantenere la nuance in posizione, ma fa anche da scudo tra cute e il bulbo oculare: i pigmenti contenuti negli ombretti tendono a migrare per il battito delle palpebre e, quindi, a spostarsi, di conseguenza, verso l’interno dell’occhio provocando fastidi.
Il pennellino è lo strumento su cui investire per realizzare una distribuzione omogenea. Deve avere setole fitte, corte e morbide, con la punta arrotondata: una volta prelevato il prodotto il movimento ideale imita quello di un tergicristallo, spostandosi delicatamente e rapidamente da un angolo all’altro. Ne servono due: uno per colorare, l’altro per creare i punti luce sugli angoli interni dell’occhio e sotto l’arcata sopracciliare. 

Gli abbinamenti che funzionano
Le gradazioni oggi in commercio sono formulate per adattarsi a ogni tipo di incarnato, caratteristica che dovrebbe semplificare il gioco con le palette multicolor. In realtà indovinare le combinazioni giuste può essere una sfida, perché quando la scelta è troppo ampia si può andare in confusione. Per individuarle, ecco le combinazioni proposte da Giada Venturotti:
• La gamma dei nudi, dagli evanescenti beige ai caldi terracotta e cioccolato, donano a tutte e rappresentano il basic del maquillage, perfetto dalla mattina a sera;
• il rosa con l’oro, il bronzo con il grigio e il verde con il rame sono duetti che possono sembrare eccessivi, ma in realtà sono adatte anche giorno;
• per un trucco arcobaleno indovinato c’è un piccolo schema da seguire: le tinte chiare, come per esempio il giallo oppure il rosa baby, si applicano sull’angolo interno dell’occhio; sulla parte centrale della palpebra sì ai toni intermedi come il lilla e il verde; il blu, l’indaco e il viola infine si usano per definire la parte esterna.

Ombre e luci
“Mat, galaxy, metal… quando si parla di luci e di ombre nel make up degli occhi è facile confondersi. Per capire che cosa si sta usando Michele Magnani, Global Senior Artist MAC Cosmetics suggerisce un semplice schema:
• gli effetti shimmer, metallizzato, olografico sono dati dai glitter: micro-frammenti metallici, monocolore o policromatici: danno un risultato “wow” perché catturano la luce e la riflettono in modo netto e deciso;
• il finish satinato, invece, è ottenuto grazie a microperle cangianti che danno una luminosità discreta, elegante e sofisticata che dona tridimensionalità e profondità,
• mat, infine, definisce i colori opachi a base di pigmenti puri e sono privi di elementi riflettenti. 

Stop ai fastidi
“Chi ha occhi sensibili, per evitare arrossamenti, irritazioni e prurito deve rinunciare agli ombretti scintillanti e luccicanti perché accentuano questi disagi” spiega l’ottico Paolo Revolfato di Eurottica Milano. “Spesso chi viene a controllare la vista lamenta disturbi come piccoli bruciori e disidratazione dovuti proprio a queste tipologie di prodotti. Un ombretto trasparente in gel-polvere, formulato per restare in sede e da spalmare su tutta la palpebra mobile, invece, si rivela un valido aiuto per non rinunciare a questi effetti nelle occasioni speciali, perché impedisce alle particelle luminose di migrare nell’occhio”.

Tocchi finali
Dopo aver tracciato i contorni con l’eyeliner, oppure la matita, per rifinire e perfezionare il risultato è sempre opportuno fonderle bene con la linea di crescita delle ciglia, usando un pennellino con setole corte, soffici ma sode.
Si conclude con il mascara, uno strumento indispensabile per restituire profondità e carattere allo sguardo, ed evitare che i toni accesi risultino invadenti e creino l’effetto ottico di “annullare” le ciglia.

 

Gallery

  • Charlotte Tilbury 
  • Luxury Palette of Pops in Dazzling Diamonds Edizione Limitata 
  • 4 sfumature magiche: Prime rosa champagne luminoso, Enhance oro antico scintillante, Smoke bronzo caldo con riflessi dorati e Pop nero-blu brillante (da Sephora, € 50).

 

  • Layla Cosmetics
  • Freevola
  • 8 ombretti mat, 3 buttershine luminose e uno butterspark dal finish bicolore glitterato (€ 24,90).
  • Anastasia Beverly Hills
  • Soft Glam II Mini
  • Finiture mat, satinate e metallizzate in formato da viaggio (da Sephora, € 32,90).

 

  • KVD Vegan Beauty
  • Lolita Por Vida 
  • Cromie calde e neutre (da Sephora, € 49,50).

 

  • Wycon 
  • Quick Palette  
  • Una selezione di colori che si armonizzano con gli occhi azzurri o grigi (€ 9,90).

 

  • Urban Decay
  • Stoned Vibes
  • Nuance infuse con tormalina per aumentarne l’intensità (€ 54).

 

  • Nars
  • Extreme Effects  
  • Colori caldi in edizione limitata (€ 45).

 

  • Pupa 
  • Zero Calorie Chocolate Eyeshadow Palette 
  • Eyeshadow palette al profumo di cioccolato (€ 20,50).

 

  • Sephora
  • Team Electric Frost?
  • Effetto brinato sullo sguardo (€ 10,90).

 

10-11-2020

Primi passi per gestire la Pandemic Fatigue

Le nuove regole da rispettare, le restrizioni che limitano gli spostamenti e la preoccupazione del contagio legate al Covid-19 generano la Pandemic fatigue, come segnala l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità: vivere nell’incertezza ha come conseguenze stanchezza, apatia e demotivazione.
Fronteggiare la situazione che stiamo vivendo è complicato. Trovare equilibrio e chiarezza può essere d’aiuto per razionalizzare la situazione.
Un approccio in questa direzione è proposto con il ciclo di 3 incontri In Stabilità, dal 15 di novembre 2021 a Milano, che rappresenta un cammino a tappe per riconoscere le proprie emozioni, affrontarle, scoprirne gli aspetti che limitano e considerare quelli positivi.

Con una Laurea in Comunicazione e un Diploma di Counselor Professionista a indirizzo Psicosintetico, Barbara Dall’Argine è una delle due ideatrici dei corsi. Ci racconta come sono organizzati e quali sono le finalità.
“Iniziare a guardare da un’altra prospettiva, con maggior distanza e neutralità è importante per osservare con senso critico le situazioni. Vedere più da vicino cosa “vive” dentro ciascuno è il primo passo per attivare le risorse necessarie per convivere con ciò che accade all’esterno. E’ importante mantenere la stabilità mentre siamo coinvolti in un flusso continuo di improvvisi cambiamenti. Osservare, accogliere e trasformare sarà il punto centrale del primo appuntamento. Imparare a collaborare con ciò che c’è, e iniziare a discernere ciò che serve da ciò che non è più funzionale è il punto centrale di quello successivo”.

Quali sono gli obiettivi?


“L’intento è permettere di acquisire gli strumenti, utili ed efficaci, a chi desidera trovare equilibrio. Mettendo sé stessi al centro si può attingere dalle proprie potenzialità e risorse per affrontare QUI e ORA ciò che lo condiziona o destabilizza”.

Avete in calendario altri appuntamenti?


“Dal 14 novembre inizia il ciclo di 6 sessioni intitolato “Il potere dell’intenzione”. Avranno cadenza quindicinale e si concluderanno il 6 febbraio 2021. Abbiamo intenzione di approfondire i punti principali della “Legge d’attrazione”: quello che ci circonda è costituito da energia che esercita un grande potere, e noi forniremo gli strumenti per comprenderla e padroneggiarla”.

10-11-2020

Nutella Bisquit, non chiamateli solo biscotti

Un miliardo di biscotti venduti in Italia dopo solo un anno dalla sua creazione. Un traguardo che permette a Nutella Bisquit, un prodotto talmente squisito di poter essere paragonato a un pasticcino, di salire sul podio dei dolci più venduti in Italia in questo segmento. Traguardo che Ferrero celebra con l’approvazione dell’investimento per la realizzazione di una nuova linea produttiva, tecnologicamente avanzata quanto la prima, sempre nello stabilimento italiano di Balvano.

Ma l’azienda non si ferma a questo: la struttura si affiancherà a quella di recente costruzione consentendo di raddoppiare la capacità produttiva, con l’obiettivo di soddisfare sia la domanda interna sia raggiungere mercati inesplorati. L’investimento previsto, di oltre 80 Milioni di euro, si aggiunge a quanto già stanziato per la prima linea di produzione. Questo significa nuovi posti di lavoro in Italia, in Basilicata, possibili grazie al successo di una squisitezza che crea… dipendenza.

“Nel 2021 lanceremo un nuovo formato, in tubo” spiega Alessandro d’Este, Presidente e AD Ferrero Commerciale Italia. “Una pratica confezione da tenere in borsa o nello zaino per gustare questo prodotto ovunque”.

28-10-2020

Il 29 Ottobre è la giornata mondiale contro l’ictus cerebrale

Una malattia grave, invalidante, che ogni anno nel mondo colpisce tra 15 milioni di persone e rappresenta, secondo alcune stime, la terza causa di morte, la prima è di invalidità e la seconda di demenza. Per sensibilizzare su questo tema, il 29 ottobre viene celebrata la Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale, che quest’anno è dedicata alla curabilità di questa patologia, mettendo l’accento non solo sulla riabilitazione ma anche sulla prevenzione a cominciare dagli stili di vita corretti al riconoscimento precoce dei sintomi, alla necessità di pari opportunità nell’accesso alle cure. E’ proprio su quest’ultimo aspetto che si concentra l’attenzione della comunità medica: l’effetto del Covid-19 sulle malattie cardiocircolatorie ha portato a un drastico calo degli accessi in ospedale per paura del contagio. Il professor Francesco Setacci Direttore dell’U.O complessa di Chirurgia Vascolare dell’IRCCS Multimedica di Sesto San Giovanni e chirurgo vascolare presso la clinica di medicina e chirurgia estetica Juneco Milano City Life e Roma Est ci spiega questo fenomeno.

“Tra gli effetti dell’emergenza sanitaria da Coronavirus si sono registrati in Italia e nel mondo meno accessi in ospedale relativi a questa patologia. Si parla di un calo del 50% degli accessi per malattie cardiovascolari (Fonte Poliambulanza di Brescia), mentre i dati del Gruppo San Donato hanno registrata una diminuzione del 60% per infarto. Questi dati non significano che ci sia una riduzione dell’incidenza della malattia, quanto piuttosto una conseguenza preoccupante della paura del contagio, con risvolti negativi legati alla sopravvivenza delle persone”.

Secondo i dati del Progetto Cuore dell'Istituto Superiore di Sanità pubblicati da Siia (Società italiana dell’ipertensione arteriosa) l’ictus conta in Italia circa 200.000 casi ogni anno, di cui l'80% sono nuovi episodi e il 20% recidive, che riguardano soggetti precedentemente colpiti. L’incidenza di questa patologia aumenta progressivamente con l’età, raggiungendo il valore massimo negli ultra ottantacinquenni. Non sono dati rassicuranti, e il fenomeno è in costante crescita a causa dell’invecchiamento della popolazione. Quali sono le raccomandazioni?

“E’ di importanza vitale non sottovalutare i sintomi, quelli che prima dell’emergenza sanitaria facevano correre al Pronto Soccorso, anche a rischio di sovraffollamento. I disturbi non passano da soli. E’ importante che le persone a rischio sappiano che le attività ambulatoriali sono garantite, perciò attualmente le diagnosi vengono fatte tempestivamente. Gli interventi chirurgici con rischio imminente di vita al momento sono garantiti”.

Come riconoscere un ictus?

“Occorre attivarsi quando insorgono deficit sensitivo-motori a carico di un emisoma (faccia, arto superiore e inferiore da un lato solo), disturbi dell’eloquio, difficoltà visive come la diplopia (vedere doppio). La prima valutazione per capire la gravità del restringimento (stenosi) alla carotide viene effettuata in una struttura medica utilizzando un Ecocolordoppler, strumento che permette una precisa e affidabile diagnosi. L’importantissima fase riabilitativa dovrebbe già dal ricovero in ospedale, e poi proseguire nelle strutture ospedaliere seguendo percorsi controllati. Per questa ragione alla prima avvisaglia, che non va mai trascurata, è fondamentale agire in modo tempestivo recandosi senza paura ed esitazione in ospedale”.

24-10-2020

La sostenibilità è già negli abiti di Prada

I temi dell’edizione digitale dei Green Carpet Fashion Awards 2020, trasmesso in tv su Sky, sono stati la rinascita e la solidarietà nell’ottica della giustizia ambientale e sociale, partendo proprio dall’Italia. “Il Made in Italy è un esempio per il mondo” ha affermato il Premier Giuseppe Conte che è intervenuto all’evento. E sono proprio i grandi marchi del Belpaese a dare il buon esempio. All’iniziativa ha partecipato, infatti, anche Prada proponendo la sua nuova visione della moda sostenibile. La giovanissima attrice Matilda De Angelis ha indossato un abito della maison su misura e realizzato con materiali ecologici secondo i criteri di Eco Age, società promotrice dell’evento insieme con Camera Nazionale della Moda, che si occupa di affiancare i marchi del fashion system per definire un percorso eco-sostenibile di cui possano beneficiarne persone e pianeta.

Il vestito indossato dall’attrice fa parte della collezione di abbigliamento, calzature e accessori Re-Nylon che racchiude il nuovo corso del brand a partire proprio dal materiale utilizzato. Si tratta dell’iconico filato della griffe, il nylon che, grazie alla ricerca scientifica, è diventato eco-sostenibile e rigenerato. Si chiama Econyl ed è recuperato da materiali plastici recuperati negli oceani, nelle discariche o derivati dagli scarti di fibre tessili.

Questo abito cocktail, con busto scultura e gonna voluminosa impreziosita da arricciature couture simmetriche, è realizzato secondo i criteri Eco Age. I principi rigidi da rispettare, e riconosciuti dall’organizzazione, sono 10: trasparenza, niente sfruttamento minorile, lavoro onesto e giusto, comunità, tracciabilità, protezione di risorse e ambiente, riciclo e riutilizzo, minimizzazione dell’inquinamento, gestione delle risorse legale e responsabile, benessere delle specie animali.

23-10-2020

Culture e colture - Roberto Capucci e la biodiversità

Born in Italy, Food, fashion, design and ancient seeds
Zahir Countryhouse - Contrada Eloro Pizzuta, Bucachemi, Noto (SR) – fino al 5 novembre 2020

Per promuove l’agricoltura 2.0, con il recupero degli antichi semi autoctoni italiani e della biodiversità, gli abiti scultorei di Roberto Capucci fotografati da Toni Campo sono protagonisti dei 17 scatti che hanno come sfondo gli ulivi del Parco dell’Anima di Noto e la nuova generazione di contadini custodi. Immagini affascinanti e suggestive che uniscono tradizione, design e moda, eccellenze che storicamente contraddistinguono il patrimonio materiale e immateriale dell’Italia.

Dietro questo progetto c’è la volontà di accendere i riflettori sulla necessità di salvaguardare tesori ingiustamente abbandonati nel nostro Paese, ma dalle enormi potenzialità economiche ancora inespresse: le antiche semenze italiane: un patrimonio che consente anche di tutelare la biodiversità vegetale e animale, che abbraccia a 360 gradi i concetti chiave di sviluppo sostenibile, nel segno dell’innovazione, del benessere accessibile e della salvaguardia dell’ambiente.

Una necessità più che mai sentita in questo periodo, tanto che lo scorso 30 settembre l’Italia e altri 76 Paesi hanno firmato Leaders Pledge for Nature, il primo documento che sancisce l’impegno formale a invertire la rotta della perdita di biodiversità entro il 2030 con azioni concrete che aprono la strada a un Piano Globale per la Biodiversità.
Sempre su questo tema, si è da poco costituito il Consorzio MAMA.SEEDS, la prima Start Up italiana fondata da Alessia Montani per salvare la memoria delle antiche colture italiane, con l’obiettivo di ottenere il riconoscimento normativo della filiera agroalimentare delle antiche semenze italiane: cerealicola, orto-frutticola, vitivinicola e delle erbe aromatiche.

Il racconto delle fasi dei processi agricoli delle antiche semenze autoctone (ancora oggi tramandate grazie all’attività degli agricoltori) è affidato all’obiettivo di Toni Campo, che rcon i suoi clic riesce a dare rilievo e importanza a ogni elemento fotografato: i lavoratori, gli agrumeti, gli alberi di ulivo, i mandorli secolari, dei carrubi e i magnifici abiti di Roberto Capucci, preziose creazioni di taffetas di seta plissettata che hanno fatto la storia della moda italiana.

La mostra, concepita per essere itinerante, e toccherà molte regioni italiane, e in particolare nelle zone del Mediterraneo.

Crediti fotografici:
Art Director Francesco Palazzolo
Stylist Mauro Crachi
Hair and make Up Antonio Musumeci e Semmy Mele

 

13-10-2020

Dante Alighieri è una continua scoperta

Inclusa est flamma. Ravenna 1921: il Secentenario della morte di Dante
Ravenna, Biblioteca Classense, Corridoio Grande - fino al 10 gennaio 2021

L’ultimo rifugio del sommo poeta ospita la prima delle tre tappe espositive che lo celebrano in occasione del 700° anniversario della sua morte. Un’opportunità per curiosare tra libri, illustrazioni, fotografie, dipinti, manoscritti e oggetti d’arte donati a Dante. Ciascuno degli oggetti, testimonianze della storia “ufficiale”, offrirà spunti per scoprire storie particolari, spesso sconosciute e anche sorprendenti. 
Il Secentenario del 1921, per esempio, fu preceduto da momenti celebrativi nazionali come per esempio le Feste dantesche che riunirono nella cittadina romagnola rappresentanti di città e territori allora sotto la sovranità dell’Impero asburgico. Nel 1908, in occasione di queste celebrazioni nacque la Cerimonia dell’olio, in cui annualmente Firenze offre (la seconda domenica di settembre) il prezioso estratto, simbolo di espiazione, destinato ad ardere nella lampada all’interno della tomba. Dante, va ricordato, morì nella cittadina che lo celebra durante il suo esilio perché appartenente, nel 1300 circa, ai guelfi bianchi, che volevano impedire al Papa di intervenire negli affari politici del capoluogo toscano. Nonostante i ripetuti tentativi di riportarlo nella sua città natale, i suoi resti non sono stati mai spostati.
Questa mostra è il primo appuntamento del progetto espositivo Dante. Gli occhi e la mente, ideato dal Comune di Ravenna Assessorato alla cultura, dal MARMuseo d’Arte della città di Ravenna, e dalla Biblioteca Classense che dà il via alla prima tappa del ciclo.

Photo
Galileo Chini (1873-1956) è l’autore del manifesto ufficiale, esposto per la prima volta nel 1921 e da poco restaurato.

28-07-2020

La magia e la bellezza a Poltu Quatu in Costa Smeralda

Condita da musica e spettacoli accompagnati da un’esclusiva selezione di luxury cocktails e piatti gourmet, ispirati alla cucina mediterranea, Daniele Pulcini inaugura la vita notturna della splendida località che si affaccia sul mare cristallino dell’Arcipelago de La Maddalena. E lo fa in grande stile, con un fantasmagorico show firmato The Box, la pluripremiata sigla dell’intrattenimento internazionale specializzata in eventi unici, rivolti alla clientela di alto livello, con produzioni memorabili e artisticamente straordinarie da Manhattan a Londra.

Fu proprio il fondatore e Presidente Antonio Pulcini a scoprire negli anni '70, insieme a Maria Bice Asara la fidanzata originaria del posto, questo angolo di paradiso di impareggiabile e naturale bellezza, che trasformò nell’oasi meravigliosa di oggi. Poltu Quatu (che in sardo significa porto nascosto) è un piccolo fiordo esclusivo e riservato nel quale il Gruppo Pulcini ha profuso tutto il meglio delle proprie capacità imprenditoriali, con un’indissolubile partecipazione personale e familiare, rendendolo una fra le mete più ambite del jet set internazionale.
Qui sorge il Grande Hotel Poltu Quatu e la sua meravigliosa terrazza con vista sul porto, diventata celebre come Lìo Sardinia, che quest’anno si trasforma in THE BOX POLTU QUATU per inaugurare una grandiosa stagione estiva by night con un Dinner Show di spettacolari performance, progettato nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitarie per superare l’emergenza epidemiologica. 

“Oggi Poltu Quatu – dichiara Daniele Pulcini, alla guida del gruppo immobiliare che ha portato la località al suo massimo sviluppo con un porto turistico di oltre 300 imbarcazioni ed un’architettura residenziale in tipica edilizia mediterranea – offre una vacanza da sogno, assicurando l’attenzione necessaria, in un ambiente sicuro e protetto. Dopo aver attraversato momenti così difficili, abbiamo investito al massimo adottando il più accurato protocollo di sicurezza anti Covid per tutelare tutti i nostri ospiti e garantire sotto ogni aspetto un’oasi di pace e tranquillità, fra natura e paesaggi mozzafiato.”

Relax e sicurezza quindi per il giorno e anche per la notte con impareggiabile divertimento in un’atmosfera magica: è questo il format di intrattenimento THE BOX POLTU QUATU, dove l’esclusiva esperienza culinaria si fonde in una coinvolgente atmosfera di divertimento live, con artisti e maestranze di livello internazionale

“Siamo orgogliosi di aver siglato quIlesto accordo con una società leader nell’entertainment su scala internazionale e di aver dato impulso e valorizzato il territorio coinvolgendo artisti e professionisti prevalentemente italiani. – prosegue Daniele Pulcini – Una formula che, oltre ad assicurare la qualità a livello internazionale, è volano di innovazione e sviluppo per tutto l’indotto della Costa Smeralda e della Sardegna”.

Scritto da: Francesca Marotta
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Towards the Boom! 1950-1962
Distinguished persuasions. Advertising masterpieces from the Salce Collection
National Museum of Salce Collection, Treviso - Until April 28th 2019

Wife of the designer and architect Franco, Jeanne Grignani was a poster artist and fashion designer of Ukrainian origin who in the fifties of the last century worked for the most important Italian companies (like Borsalino, Singer and Pirelli) for which she created the most original advertising posters of the 'era. This was made for a Necchi sewing machine and is just one of the colorful posters that make up an exhibition that allows us to understand the development of the advertising language in a specific historical period. "After the war, an irrepressible enthusiasm for design spreads widespread throughout the boot," writes curator Marta Mazza. "And advertising reflects and anticipates, emphasizes, emphasizes this feeling, experiencing a moment of extraordinary effervescence. In general falling in love with America, the all-Italian case of Armando Testa stands out: inspired by a great pictorial culture, it will prove for a long time capable of unparalleled goals of synthesis and communicative efficacy ". Unforgettable is the advertising poster of the meat box placed right on a large stylized cow.

  1. Commenti (0)

  2. Aggiungi il tuo
Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Seguimi sui social

livitaly su facebook livitaly su twitter livitaly su googleplus livitaly su pinterest livitaly su instagram livitaly rss